Quotidiano

Migranti
In migliaia fuggono dall'Honduras: le Chiese aprono le porte

Il loro sogno: arrivare negli Stati Uniti. Grazie al tam tam dei social, dopo un giorno il gruppo era diventato una carovana. All’inizio della settimana sono stati in 3.500 ad entrare in Guatemala, primo passaggio obbligato del lungo viaggio. Poi, dietro di loro si sono mosse altre migliaia di persone: circa la metà sono donne. Ci sono bambini, anziani, persone in precarie condizioni fisiche.

Riaffermare la responsabilità missionaria delle Chiese locali
Giulio Albanese

Sia la visione teologica, sia le relative declinazioni della missione, non possono prescindere da quegli uomini e quelle donne che hanno fatto la scelta di andare fino agli estremi confini del mondo. Ma proprio perché “Dio è giovane”, è importante non solo sapersi mantenere giovani, ma anche accettare le istanze del rinnovamento. Qui non si tratta di rottamare gli anziani, o di rinnegare la propria Storia, quanto piuttosto di comunicare nuova linfa all’interno delle comunità, andando al di là di certi stereotipi e pratiche del passato che condizionano la comunicazione della Buona Notizia in una società postmoderna che ha pur sempre fame e sete di Dio. Questa dinamica della fede farà maturare i giovani e ringiovanirà i meno giovani con l’intento dichiarato di sancire una rinnovata stagione evangelizzatrice.

Ortodossi
Hilarion: "È stato il Patriarca Bartolomeo a optare per lo scisma"

È “scisma” tra il Patriarcato di Mosca e il Patriarcato di Costantinopoli. Il metropolita russo Hilarion è durissimo sulle responsabilità di chi ha portato il mondo ortodosso a questa situazione e in un’intervista al Sir e a inBlu Radio spiega: “È quanto ha scelto il Patriarca Bartolomeo stesso. Poteva scegliere di essere il centro di coordinamento per tutte le Chiese ortodosse o essere in scisma. Lui ha optato per lo scisma”. Le conseguenze – anche nel dialogo ecumenico – sono pesanti. “Non parteciperemo a nessuna Commissione presieduta o co-presieduta dal Patriarca di Costantinopoli. Significa che non parteciperemo in alcun dialogo teologico nel quale sono presenti rappresentanti del Patriarcato di Costantinopoli che presiedono o co-presiedono”.

 

ORTODOSSI Chiesa russa rompe “comunione eucaristica” con Costantinopoli

PATRIARCATO ECUMENICO Concessa l’autocefalia alla Chiesa di Ucraina. Mosca è durissima

Riforma Ordine giornalisti
Verna: "Il mestiere non si apprende più a bottega. Stop sfruttamento"

Parla il presidente dell’Ordine dei giornalisti: “Mi rifiuto di sostenere un sistema basato sullo sfruttamento: ti faccio fare esperienza, ti offro visibilità, l’Ordine ti darà il riconoscimento e tu vuoi pure essere pagato? Questo approccio altera anche il mercato, creando un esercito di riserva da cui gli editori possono attingere con ingiustizie clamorose. Basta ottenere il titolo sul campo”. Il cambio del nome in Ordine del giornalismo: “L’attenzione si sposta dal professionista alla funzione sociale del giornalismo”.

 

GIORNALISMO DI PACE Ripartire dalla realtà delle persone e delle relazioni vere di P.Ruffini

EUROPA
Europa amara per Conte

Il summit del 17-18 ottobre si chiude con un botta-e-risposta a distanza tra il premier italiano, il ministro Tria e la Commissione. Juncker sottolinea l'”eccezione Italia”, il cancelliere austriaco Kurz, presidente di turno Ue, da alcuni ritenuto vicino alle posizioni dell’esecutivo giallo-verde, è il più duro: “Ci aspettiamo che il governo italiano rispetti le regole” del Patto, “non pagheremo per il debito di altri”.

Libera
Mafie: per il 75% degli italiani sono un fenomeno globale
Mafie: per il 75% degli italiani sono un fenomeno globale

Solo il 38% dichiara che “la mafia dove abita è un fenomeno preoccupante e la sua presenza è socialmente pericolosa”, mentre “il 52% si divide tra coloro che la ritengono marginale e coloro che la ritengono preoccupante ma non socialmente pericolosa”. Solo per l’8,5% è diffusa in tutta Italia. È quanto emerge da “Liberaidee. Rapporto sulla percezione e la presenza delle mafie e della corruzione in Italia”.

Diario del Sinodo
Trovare il povero anche in chi povero non appare
Federica Ancona

La missione non è solo in Brasile o in altri continenti dove ci sono povertà più visibili; c’è una povertà di cui noi tante volte non ce ne accorgiamo nemmeno e anche lì, soprattutto lì, siamo chiamati ad essere missionari, evangelizzatori. E c’è un povero dentro ciascuno di noi da amare ed evangelizzare! Ora so che posso essere missionaria anche qui dove vivo! Vorrei dire un’ultima cosa ai miei coetanei: quando non sapete che senso dare alla vostra vita o perché siete in questa terra così piena di contraddizioni, partite! Partite! Vi garantisco che ritroverete voi stessi e non solo! E, come dice il Santo Padre, non pensare mai che non hai niente da dare o che non hai bisogno di nessuno. Molta gente ha bisogno di te, pensaci. Ognuno di voi pensi nel suo cuore: molta gente ha bisogno di me!

 

Incontro mondiale
Alla Gmg di Panama ci saranno anche 1.000 pellegrini indigeni
Alla Gmg di Panama ci saranno anche 1.000 pellegrini indigeni

Ci sarà anche il volto indigeno della Chiesa alla Gmg. Si stimano in oltre mille i giovani indigeni, provenienti da diverse parti del mondo, che prenderanno parte all’incontro mondiale della gioventù indigena (Imgi) che avrà luogo nei giorni precedenti la Gmg (dal 17 al 21 gennaio), a Soloy, comarca indigena di Ngäbe-Bugle, diocesi panamense di David. Un’iniziativa unica, ricca di eventi, voluta dai vescovi responsabili della pastorale indigena, che si svilupperà nel solco dell’enciclica Laudato si’.

Sinodo 2018
Oster: "Fare un passo avanti nelle grandi questioni sui giovani"

“Alcuni ritengono che sia tutto ancora molto Europa-centrico; che si producano documenti all’occidentale, elaborati e intellettuali; altri dicono di avere problemi completamente diversi con i giovani. Sentiamo anche orientamenti diversi tra chi vuole conservare e altri che vogliono andare avanti proprio sui temi caldi”. Lo spiega mons. Stefan Oster, classe 1965, vescovo di Passavia dal 2014, salesiano e referente per la pastorale giovanile della Conferenza episcopale tedesca.

 

VIDEOMESSAGGIO Papa ai giovani: “L’unità è sempre superiore alle guerre”

INTERVISTE Pizzaballa: “Consapevoli che facciamo fatica a parlare ai giovani” di D.RocchiTencer: la mia prima esperienza a un Sinodo di S.NumicoRigoldi: “relazione e comunità” per stare accanto ai giovani di G.Alfaro

 

IL PUNTO SUI LAVORI Fare della parrocchia la casa dei giovani di M.Michela Nicolais

Udienza
Il presidente sudcoreano a Francesco: “Lei è un maestro per l’umanità”
Il presidente sudcoreano a Francesco: “Lei è un maestro per l’umanità”

Un intenso di dialogo tra Papa Francesco e il presidente sudcoreano Moon Jae-in. Al termine dell’udienza, il Papa ha detto alla moglie del presidente, “preghi per me”. Il presidente ha quindi replicato: “Lei non è solo il capo della Chiesa cattolica, lei è un maestro per l’umanità”. E il Papa, salutandolo, ha risposto: “Buon lavoro per la pace”.

Quota100 per andare in pensione, operazione popolare e costosa
Paolo Zucca

Chi guarda all’Italia per verificarne la solvibilità (cioè la capacità di ripagare il debito) potrebbe trovare nel nuovo meccanismo pensionistico ulteriori preoccupazioni. Due grandi agenzie di rating, Fitch e Moody’s, si pronunceranno nell’ultimo venerdì del mese e dovranno rendere pubblica una valutazione della sostenibilità economica della legge di bilancio che dovrà essere approvata in Parlamento. A quel punto la nuova maggioranza dovrà contrastare il rischio, completamente opposto ai tagli del passato, di andare in crisi per una riforma delle pensioni troppo generosa.

Povertà
Caritas: quasi 200mila le persone incontrate dai Centri d’ascolto
Caritas: quasi 200mila le persone incontrate dai Centri d’ascolto

Nel corso del 2017 sono state 197.332 le persone incontrate dai centri d’ascolto della Caritas. Il dato emerge dal volume “Povertà in attesa. Rapporto Caritas italiana 2018 su povertà e politiche di contrasto” presentato oggi a Roma presso la Fondazione Con il Sud. Nel Rapporto vengono presentate e analizzate le informazioni relative a 1.982 strutture collocate in 185 diocesi. Attualmente (dato aggiornato ad agosto 2018) i centri d’ascolto delle diverse tipologie (parrocchiali, zonali/vicariali e diocesani) sono arrivati a quota 3.366.

Ponti di pace
Joseph Shen Bin: “Il Papa è un buon pastore, esempio per tutti noi”
Joseph Shen Bin: “Il Papa è un buon pastore, esempio per tutti noi”

Papa Francesco è “un buon pastore. È un esempio per tutti noi pastori”. Lo dice al Sir mons. Joseph Shen Bin, a margine dell’Incontro internazionale Ponti di pace, promosso a Bologna dalla Comunità di Sant’Egidio e dall’arcidiocesi. “Se tutti noi, religiosi e governanti, fossimo, come il Papa, persone di Misericordia, questo mondo sicuramente diventerebbe più pacifico”. “L’armonia tra le religioni – aggiunge – è alla base della pace nel mondo. E, quindi, io spero che questa armonia tra le religioni si diffonda nel mondo per portare pace”.

 

LEADER DELLE RELIGIONI MONDIALI “Non c’è futuro nella guerra. Possa Dio disarmare i cuori”LATANSIO: “Accordo di pace non sia scritto sulla carta ma nel cuore” ZUPPI: “Nei luoghi bui si consumano i tanti pezzi della guerra mondiale”

Rapporto
124 milioni di persone in 51 Paesi del mondo soffrono di fame acuta
124 milioni di persone in 51 Paesi del mondo soffrono di fame acuta

Secondo il Global Hunger Index, 124 milioni di persone in 51 Paesi del mondo soffrono di fame acuta. La testimonianza di Mohamed A. Ahmed, impegnato nei campi profughi di Kenya e Somalia: “Dobbiamo riconoscere che per molti anni le nostre strategie non hanno funzionato, dobbiamo cambiare l’approccio e andare avanti. La carestia e la fame non sono qualcosa di imprevisto e deve essere la politica ad intervenire, a livello locale ed internazionale”.

Fake news
Maleducazione e aggressività sono campanelli d’allarme
Maleducazione e aggressività sono campanelli d’allarme

“I dati scientifici sono oggetto di propaganda falsa: dai vaccini ai cambiamenti climatici. In una democrazia, però, le opinioni e le decisioni vengono prese sui fatti, e se questi sono presentati in maniera non corretta è un problema”. Lo sostiene Lorenzo Magnea, docente di fisica teorica all’Università di Torino, che il 18 ottobre terrà una lectio magistralis per l’evento “Chi dà retta alle sirene? Informazione e disinformazione nell’era del web e dei social” organizzato dall’Auser nel capoluogo piemontese.

Messaggio alla Fao
Papa Francesco:
Papa Francesco: "Scompaia totalmente il flagello della fame"

“I poveri aspettano da noi un aiuto efficace che li tolga dalla loro prostrazione, non solo propositi o convegni che, dopo aver studiato dettagliatamente le cause della loro miseria, abbiano come unico risultato la celebrazione di eventi solenni, impegni che non giungono mai a concretizzarsi o vistose pubblicazioni destinate ad ingrossare i cataloghi delle biblioteche”. Lo scrive il Papa, nel messaggio inviato alla Fao in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione.

Sinodo 2018
"Liberi nell'arte" per portare la bellezza nelle carceri

L’iniziativa, promossa da Ucsi Molise, in collaborazione con Vatican News, Sky Arte, Ministero della Giustizia e Ispettorato generale dei cappellani, coinvolge i detenuti delle quattro strutture carcerarie del Lazio – il carcere minorile di Casal del Marmo (Roma), le case circondariali di Rebibbia e Regina Coeli e la casa di reclusione di Paliano (Frosinone) – in un programma di musica, esibizioni liriche live, proiezioni di film d’arte.

Cinema
Cosa vedere in sala? Le novità dal 18 ottobre
Cosa vedere in sala? Le novità dal 18 ottobre

Nuovo appuntamento con la rubrica settimanale del Sir e della Commissione nazionale valutazione film Cei, incentrata sulle uscita al cinema nel fine-settimana, da giovedì 18 ottobre. Ecco le quattro proposte: il dramma on the road tra padre-figlia “In viaggio con Adele”, la responsabilità delle scelte ne “Il verdetto”, la commedia romantica in salsa pop “Nessuno come noi” e la commedia sentimentale-onirica “Sogno di una notte di mezza età”.

EUROPA
Eurobarometro: ipotetico referendum, 24% degli italiani lascerebbe l'Ue, 44% resterebbe, 32% incerti

Eurobarometro ha “misurato” i pareri di un nutrito campione di cittadini dei 28 Stati membri. I risultati mostrano notevoli differenze tra un Paese e l’altro. In Italia emerge un’opinione pubblica piuttosto lontana dalla “casa comune”, ma la maggioranza è favorevole all’euro. Se si votasse per un Italexit, il 24% sceglierebbe di lasciare l’Unione, il 44% di rimanervi, il 32% è indeciso.

Rinunciare a definire l’identità europea crea smarrimento negli elettori
Francesco Bonini

La prosperità europea è strutturalmente e storicamente legata ad una peculiare identità religiosa, sociale, culturale e dunque imprenditoriale. Rinunciare a definire l’identità europea se non in termini burocratici o mercatisti, genera il moltiplicarsi di surrogati, quel senso di smarrimento, culturale, ideale e dunque politico, che gli elettorati puntualmente certificano, ponendosi all’opposizione. Anche senza che le alternative siano realistiche, ma votandole comunque. Bisogna voltare pagina. Solo così si può riparlare di costruzione europea, un processo necessario, senza alternative nel mondo di oggi e di domani. Decisivo per mantenere e sviluppare quella fragile creatura che è la democrazia popolare e sociale di mercato, ovvero una prospettiva di pace, di sviluppo, di benessere, per tutti.

Caso Lodi
Caritas: "Volontà discriminatoria. Sorprendente la solidarietà"

Ha avuto un successo incredibile la raccolta fondi proposta dal Coordinamento Uguali Doveri, costituito a Lodi per protestare contro il regolamento del Comune che impedisce di fatto ai bambini stranieri di usufruire della mensa scolastica. La Caritas lodigiana, membro del Coordinamento insieme ad altre realtà cattoliche e laiche, ha messo a disposizione il sito, andato in tilt per le tante donazioni. La raccolta è stata sospesa in attesa della decisione del Tribunale di Milano, a cui è stato presentato il ricorso contro questa discriminazione. Ce ne parla don Andrea Tenca, direttore della Caritas lodigiana.

Spazio Balcani
AAA... padri e madri cercansi!
Diana Papa

I giovani cercano dei padri o delle madri di qualsiasi stato di vita che costantemente progettano in ogni tappa la loro esistenza su Cristo e il Vangelo, attivando tutte le loro risorse, non solo emotive, ma anche intellettuali, cognitive, educative, affettive… Forse è giunto il tempo per noi adulti di decidere di camminare accanto ai giovani senza confusione di ruoli, perché nella libertà possano sbocciare con gioia alla vita da protagonisti?

EUROPA
Baviera: messaggio alla Merkel. Giù Csu e Spd, bene i Verdi

Il voto nel Land tedesco più ricco e popoloso conferma le difficoltà dei partiti che guidano il Paese, ossia i cristiano-sociali con gli storici alleati della Cdu e la Spd. Successo degli ambientalisti, populisti attorno al 10%, buon risultato per i “liberi elettori”. Non sarà semplice formare un governo locale, mentre già si guarda alle amministrative in Assia del 28 ottobre. E, all’orizzonte, si profilano le europee.

Televisione
Papa Francesco e la preghiera
Papa Francesco e la preghiera "Ave Maria": in onda su Tv2000 dal 16 ottobre

Il programma, nato dalla collaborazione tra il Dicastero per la comunicazione della Santa Sede e l’emittente della Cei come avvenuto lo scorso anno per “Padre Nostro”, è strutturato in undici puntate, nel corso delle quali don Marco incontra noti personaggi laici del mondo della cultura e dello spettacolo. Ogni puntata è aperta dalle parole del Papa; l’intervista integrale di don Marco a Francesco verrà trasmessa domenica 23 dicembre in prima serata

Canonizzazioni
Papa Francesco e i nuovi santi: “Lasciare ricchezze, ruoli, potere"

Proclamati sette nuovi santi, a cominciare da Paolo VI e Oscar Arnulfo Romero. “Profeta di una Chiesa estroversa che guarda ai lontani e si prende cura dei poveri”: così Francesco ha definito il quarto Papa Santo del Novecento, il terzo canonizzato sotto il suo Pontificato. A braccio alcune parole su Nunzio Sulprizio, “il nostro ragazzo napoletano, il santo giovane, coraggioso, umile, che ha saputo incontrare Gesù nella sofferenza, nel silenzio e nell’offerta di sé stesso”.

 

PAOLO VI È SANTO Il Papa che parlava di gioia e la viveva di M.Semeraro

OSCAR ROMERO Card. Chávez e associazioni di El Salvador: “L’omicidio non resti impunito” di P.Caiffa

PAOLO VI IN TERRA SANTA Padre Felet: “Felice e sorridente tra la folla che lo accompagnava” di D.Rocchi

PAOLO VI E IL VANGELO Il cristianesimo non è facile, ma è felice di L.Sapienza

VaticanNews Un WebDoc su Paolo VI per camminare verso la sua santità

EUROPA
Il futuro dell'Unione europea? Dipende anche dal bilancio

L’Ue ha avviato la procedura per la definizione del Quadro finanziario pluriennale 2021-2027. Come sempre il budget comunitario si fermerebbe attorno all’1% del Pil comunitario (ovvero circa 150 miliardi l’anno per investimenti in 27 Stati). In più occorrerà tener conto dell’uscita del Regno Unito. L’esecutivo mette in guardia rispetto all’esito delle elezioni del maggio 2019…

Scuola cattolica - Rapporto 2018
Personalizzazione e progetto educativo perché ogni alunno è unico e irripetibile
Personalizzazione e progetto educativo perché ogni alunno è unico e irripetibile

Una scuola centrata sulla “crescita del singolo alunno come soggetto irripetibile”: è questo lo spirito e l’obiettivo della personalizzazione, modalità educativa alla quale è dedicato il XX Rapporto del Centro studi per la scuola cattolica della Cei. Un universo, quello delle scuole cattoliche, costituito da 7.933 istituti (di cui 5.777 scuole di infanzia) e 27.488 classi per un totale complessivo di 582.576 alunni.

Pregare il Rosario
Fornos:
Fornos: "Il diavolo è dietro agli abusi e alle divisioni interne alla Chiesa"

“La missione della Chiesa diventa più difficile e va screditandosi. Papa Francesco ci dice che il diavolo, che sempre mira a dividerci da Dio e tra di noi, è dietro tutto questo. Molte volte lo dimentichiamo”. Lo spiega padre Frederic Fornos, direttore internazionale della Rete mondiale di preghiera del Papa e del Movimento eucaristico giovanile.

 

IL DIAVOLO E L’APPELLO ALLA PREGHIERA Bamonte: “Le azioni del demonio contro la Chiesa le vediamo dove manca la carità”

Economia
Def: tutti i nodi critici della
Def: tutti i nodi critici della "manovra" in arrivo

Il Parlamento dà il via libera alla Nota di aggiornamento al Def e allo scostamento dagli obiettivi di bilancio: ok del Senato e della Camera alla risoluzione di maggioranza che autorizza il rinvio
del pareggio di bilancio, così come previsto dal governo con la nota di aggiornamento al Def. I voti favorevoli in Senato sono stati 161, alla Camera 331. Ma sulle stime della manovra economica pesa il giudizio delle istituzioni indipendenti: Bankitalia, Corte de Conti, Istat, Ufficio parlamentare di bilancio.

SCHEDA Ecco cosa prevede la Nota di aggiornamento al DefREDDITO D’INCLUSIONEREDDITO DI CITTADINANZA 

Esclusiva Sir – "Ave Maria"
Papa Francesco: "Se dicessi di non essere peccatore, sarei il corrotto più grande"

Sarà in libreria, da domani, il libro dedicato all'”Ave Maria”: Papa Francesco affronta il mistero di Maria percorrendo, verso per verso, la preghiera in un dialogo con don Marco Pozza, teologo e cappellano del carcere di Padova. “Maria – afferma tra l’altro Francesco – non può essere la mamma dei corrotti, perché i corrotti vendono la mamma, vendono l’appartenenza a una famiglia, a un popolo. Cercano soltanto il proprio profitto, che sia economico, intellettuale, politico, di qualsiasi tipo. Fanno una scelta egoistica, direi satanica: chiudono a chiave la porta dal di dentro. E Maria non riesce a entrare”.

Instagram
Genova
fisc Crollo Ponte Morandi
Iniziano i rientri degli sfollati

50 scatoloni e 2 ore di tempo per raccogliere gli effetti personali e i ricordi di una vita. E’ così che gli sfollati dei palazzi di Via Fillak e Via Porro hanno potuto entrare ancora una volta, a distanza di due mesi e accompagnati dai Vigili del Fuoco, nelle proprie abitazioni rese inagibili dal crollo del Ponte Morandi per recuperare quanto più possibile.

Accordo Santa Sede-Cina
Il vocabolario della società
Chiesa
Cultura
Politica & società
Esteri

Approfondimenti

Commenti al Vangelo

Almanacco
ALMANACCO LITURGICO
La Messa del Giorno e la liturgia delle Ore di ChiesaCattolica.it
APP
Scarica l’app ufficiale della Liturgia delle Ore per Smartphone e Tablet
BIBBIAEdu

Accesso completo alle traduzioni CEI del 2008 e del 1974, alla Bibbia Interconfessionale, alla Nova Vulgata, all’Antico Testamento ebraico ed aramaico, che riproduce il Westminster Leningrad Codex, e al Nuovo Testamento greco, che presenta il Greek New Testament della Society of Biblical Literature.