Rifiuti: Fluttero (Fise), “avviare transizione da riciclo a sistema economia circolare”. “Blocco End of Waste è bomba per intero ciclo”

“L’Italia che si appresta a recepire le nuove direttive del pacchetto europeo Circular Economy deve cogliere l’opportunità di affrontare la sfida della transizione dal riciclo di rifiuti tipico di un’economia lineare ad un compiuto sistema di economia circolare”.  Ne è convinto Andrea Fluttero, presidente di Fise Unicircular, intervenuto oggi alla presentazione a Roma del Rapporto “L’Italia del Riciclo 2018” di Fise Unicircular e Fondazione sviluppo sostenibile. “La sfida del cambiamento di modello economico – spiega -, parte dalle solide basi dell’industria del riciclo, ma è necessario che, sotto la guida ed il controllo di una cabina di regia per le diverse filiere coinvolte, ogni anello della catena ripensi a se stesso in chiave di circolarità, dai produttori – con un’accurata ecoprogettazione – alla distribuzione, ai consumatori, per finire con l’anello mancante, del post consumo, composto da logistica di ritorno, raccolta, preparazione al riuso, riuso, riciclo, creazione del mercato delle materie prime seconde, grazie ad adeguati strumenti modulabili di sostegno fiscale ed economico”. Fluttero esprime preoccupazione per il blocco dell’End of waste (le condizioni per le quali un rifiuto cessa di essere tale al termine del processo di riciclo, ndr): “E’ una bomba contro il riciclo e l’economia circolare”. Il riferimento è al parere del Consiglio di Stato dello scorso febbraio che ha stabilito che ’End of waste (EoW) può essere disciplinato solo a livello nazionale o sovranazionale e non, come avvenuto fino ad oggi, dalle regioni che esaminavano le aziende del settore ad una ad una rilasciando autorizzazioni ad hoc. Il rischio “è che si blocchi l’intero ciclo dei rifiuti, a cominciare dalle raccolte”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano