Università Cattolica: mons. Zani (Congregazione educazione cattolica), “terza missione diventata più urgente e pressante”

“Cultura, società, futuro: questi tre termini proiettano immediatamente l’università oltre se stessa, protesa a misurarsi con la ‘cultura’, che è il portato della storia stratificata di idee, di pensiero, di scoperte scientifiche, di modi di comportarsi ereditati dal passato; a confrontarsi con la ‘società’ con i suoi complessi dinamismi e soprattutto con i profondi cambiamenti che la caratterizzano; e con il ‘futuro’ che attira l’attenzione dell’università sulla necessità di aprirsi alla speranza e al compito di formare le giovani generazioni all’impegno di costruire un mondo migliore e più solidale”. Lo ha detto, oggi pomeriggio, mons. Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l’educazione cattolica, nel suo intervento al Seminario di studio dei docenti di Teologia e degli assistenti pastorali, che si è aperto oggi pomeriggio a Matera e ha per tema “La Terza Missione dell’Università: cultura, società, futuro. Pensare e vivere l’Università Cattolica in ‘uscita missionaria’ (Christus Vivit 222)”.
“È l’università di oggi proiettata in questa visione e in questo confronto aperto?”, si è chiesto il presule, secondo il quale “si può dire che l’università, nell’evoluzione della sua storia a partire dal XII secolo, in modi e forme diversi si è sempre posta in rapporto con la società e la cultura. Ma oggi la terza missione, cioè il servizio che è chiamata a svolgere per il contesto non più solo circostante ma anche internazionale in cui opera e che si aggiunge a quello dell’insegnamento e della ricerca, è diventato più urgente e pressante ed interpella l’istituzione accademica in quanto tale, come pure ogni percorso disciplinare e di ricerca in essa proposto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia