Ricerca e sviluppo: Istat, in Italia spesa in crescita ma incide sul Pil ancora solo per l’1,38%. Settore privato maggior finanziatore

Toy Building Blocks Background

Nel 2017 si stima che in Italia la spesa per ricerca e sviluppo (R&S) sostenuta da imprese, istituzioni pubbliche, istituzioni private non profit e università sia stata pari a 23,6 miliardi di euro, con un incremento del 2,7% rispetto al 2016. Anche l’incidenza percentuale della spesa sul Pil, pari all’1,38% nel 2017, registra un lieve incremento (+0,01 punti percentuali) rispetto all’anno precedente. Lo comunica oggi l’Istat diffondendo i dati di “Ricerca e sviluppo in Italia” riferiti al triennio 2017-2019.
“Il settore privato (imprese e istituzioni non profit) – spiega una nota – spende per la R&S intra-muros 15,2 miliardi di euro, di cui la quasi totalità (14,8 miliardi) sostenuta dalle imprese. Le università spendono 5,6 miliardi di euro, le istituzioni pubbliche 2,9 miliardi”.
Per il 2018, i dati preliminari indicano un aumento della spesa complessiva per R&S a valori correnti delle imprese e delle istituzioni pubbliche e private non profit (non sono ancora disponibili i dati sulle università). Nel dettaglio, la spesa cresce del 6,2% per le istituzioni private non profit, del 6,0% per le istituzioni pubbliche e del 2,8% per le imprese. Le previsioni fornite da imprese e istituzioni confermano per il 2019 un ulteriore aumento della spesa in R&S intra-muros sul 2018: istituzioni private non profit +5,7%, istituzioni pubbliche +2,7% e imprese +0,8%.
Stando ai dati diffusi, nel 2017 la ricerca applicata si è confermata la principale voce di investimento (10 miliardi di euro, pari al 42,1% della spesa complessiva). Seguono le attività di sviluppo sperimentale con una spesa pari a 8,5 miliardi di euro (35,7% del totale) e, infine, la ricerca di base con circa 5,3 miliardi di euro (22,2%). Diversa la situazione nelle imprese, dove oltre la metà della spesa in R&S è composta dalla componente dello sviluppo sperimentale (7,7 miliardi, pari al 51,7% della spesa totale).
Dal report dell’Istat emerge anche come siano aumentati il personale impegnato in attività di R&S (+10,9% sul 2016), i ricercatori (+5,2%), le donne impegnate in attività di R&S (+7,2%) anche se il personale maschile è cresciuto maggiormente (+12,7%).
Nel 2018, infine, gli stanziamenti per R&S di Amministrazioni centrali, Regioni e Province Autonome salgono del 16,8%, passando da 8.791,9 milioni di euro del 2017 (previsioni di spesa assestate) a circa 10.272,2 milioni di euro del 2018 (previsioni di spesa iniziali).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia