This content is available in English

Papa nelle isole Maurizio: messa a Port Louis, no alla “tentazione di perdere l’entusiasmo rifugiandoci in sicurezze mondane”

(Foto Vatican Media/SIR)

“Come si fa per arrivare ad essere un buon cristiano?”. “La risposta è semplice: è necessario fare, ognuno a suo modo, quello che dice Gesù nel discorso delle Beatitudini”. A ribadirlo è stato il Papa, nell’omelia della Messa celebrata presso il Monumento di Maria Regina della Pace, esordio pubblico della giornata nelle isole Maurizio. A Port Louis, la capitale del Paese – mentre la folla festosa di oltre 100mila persone lo acclama agitando rami di palme – il Papa cita l’“apostolo dell’unità mauriziana”, il beato Jacques-Désiré Laval, “tanto venerato in queste terre”, le cui reliquie sono oggi sull’altare. “L’amore per Cristo e per i poveri segnò la sua vita in modo tale da proteggerlo dall’illusione di compiere un’evangelizzazione distante e asettica”, l’elogio di Francesco per colui che tutti i mauriziani, non solo i cristiani, considerano il loro padre, e del quale oggi si festeggia la memoria liturgica : “Sapeva che evangelizzare comporta farsi tutto a tutti: imparò la lingua degli schiavi appena liberati e annunciò loro in maniera semplice la Buona notizia della salvezza. Ha saputo radunare i fedeli e li ha formati ad intraprendere la missione e creare piccole comunità cristiane in quartieri, città e villaggi vicini, piccole comunità molte delle quali sono all’origine delle attuali parrocchie”. “Era sollecito nel dare fiducia ai più poveri e agli scartati, in modo che fossero i primi a organizzarsi e trovare risposte alle loro sofferenze”, ha proseguito il Santo Padre: “Attraverso il suo dinamismo missionario e il suo amore, il padre Laval ha dato alla Chiesa mauriziana una nuova giovinezza, un nuovo respiro che oggi siamo invitati a continuare nel contesto attuale. E questo slancio missionario dev’essere conservato, perché può darsi che, come Chiesa di Cristo, cadiamo nella tentazione di perdere l’entusiasmo evangelizzatore rifugiandoci in sicurezze mondane che, a poco a poco, non solo condizionano la missione ma la rendono pesante e incapace di attirare la gente”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia