Ecumenismo: Welby (arcivescovo Canterbury), “Siamo chiamati a vivere in Cristo ma ancora vi sono divisioni tra noi”

“Ancora vi sono divisioni tra noi. Siamo chiamati a vivere in Cristo ma esprimiamo questa vocazione in modalità differenti”. Lo afferma Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, nel messaggio al XXVII Convegno ecumenico internazionale di spiritualità ortodossa sul tema “Chiamati alla vita in Cristo. Nella chiesa, nel mondo, nel tempo presente” che si è aperto oggi a Bose per iniziativa della Comunità monastica unitamente alle Chiese ortodosse.
“Nel 1993 la Commissione internazionale Anglicana-Romano cattolica pubblicò il suo documento su morale, comunione e Chiesa sotto il titolo ‘Vita in Cristo’”, ricorda Welby, aggiungendo che “nella prefazione i co-presidenti scrissero: ‘Quelli che condividono la fede una in Cristo condivideranno un’unica vita in Cristo’”. “Se siamo uniti nella nostra professione di fede nel Signore Gesù Cristo – osserva l’arcivescovo di Canterbury – allora Egli ci chiama a essere pellegrini insieme, per imparare l’uno dall’altro e per cercare insieme di crescere nella santità e nel servizio al mondo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo