Brexit: Hollerich (vescovi Comece), “appello ai politici perché non si spezzi l’amicizia tra il Regno Unito e l’Ue. Creare nemici sarebbe fatale”

“Ai politici vorrei chiedere di fare tutto il possibile perché non si spezzi l’amicizia e la collaborazione proficua tra il Regno Unito e l’Unione europea”. È questo l’appello che l’arcivescovo di Lussemburgo e presidente della Comece (la Commissione che riunisce le Conferenze episcopali dell’Ue) Jean-Claude Hollerich rivolge ai politici inglesi in questo difficile passaggio del Brexit, dopo che ieri il governo Tory di Boris Johnson è stato battuto ai Comuni. “Non bisogna creare nemici tra l’Unione europea e il Regno Unito. Sarebbe fatale. E sarebbe contro l’idea stessa dell’Europa”, osserva l’arcivescovo Hollerich in un’intervista al Sir, all’indomani dell’annuncio dato da Papa Francesco sulla sua nomina a cardinale. Il presidente dei vescovi Ue si rivolge anche al popolo inglese e dice: “Ci dispiace, ma rispettiamo il voto che avete espresso. La gente degli Stati membri dell’Unione europea non è vostra nemica, ma vostra amica. Saremmo più poveri senza di voi. Perché abbiamo bisogno di quello che è l’Inghilterra, il Galles, la Scozia, l’Irlanda del Nord. Abbiamo bisogno della vostra storia e della vostra cultura. Ci mancherete. Senza di voi saremo più poveri”. Riguardo alle conseguenze che la Brexit potrebbe avere anche sul rialzo dei prezzi, in particolare su quello dei farmaci e degli alimenti, il presidente dei vescovi europei dice: “Spero che ci saranno politiche per proteggere i più deboli della società. È come per la crisi ecologica: sono sempre i più poveri che devono pagare di più. Non è giusto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo