Papa Francesco: a Federazione Ginnastica, “vivere sempre lo sport con lealtà e sano spirito agonistico, senza perdere l’ispirazione amatoriale”

(Foto Vatican Media/SIR)

“Possiate vivere sempre lo sport con lealtà e sano spirito agonistico, senza perdere l’ispirazione amatoriale. Questo vi aiuterà ad affrontare le gare della vita con coraggio e onestà, con gioia e serena fiducia nel futuro”. È l’augurio rivolto questa mattina da Papa Francesco ricevendo in udienza nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico i rappresentanti della Federazione Ginnastica d’Italia, in occasione dei 150 anni di istituzione.
“La presenza delle associazioni sportive nella società – ha notato Francesco – non è solo funzionale a organizzare l’attività sportiva. Esse sono chiamate anche a favorire una mentalità che, attraverso lo sport, promuova lo sviluppo integrale della persona umana e l’amicizia sociale”. “Si tratta di intendere e vivere la pratica sportiva – ha ammonito il Papa – non soltanto come fonte di benessere fisico, ma come ideale di vita coraggioso, positivo, ottimista”. “In questo senso – ha proseguito –, lo sport diventa esperienza formativa che aiuta soprattutto le nuove generazioni a coltivare i valori della vita: l’amore per la lealtà e la giustizia, il gusto della bellezza e della bontà, la ricerca della libertà e della solidarietà”. “Ai nostri giorni il sistema dello sport appare a volte condizionato da logiche di profitto, da un agonismo esasperato e, purtroppo, anche da atteggiamenti violenti”, ha osservato il Papa, che ha denunciato “tre cose brutte: il profitto, l’agonismo esasperato e a volte atteggiamenti violenti. E a tutti e tre questi atteggiamenti brutti manca una cosa: la dimensione amatoriale dello sport”. Per Francesco, “quando lo sport perde la dimensione amatoriale vengono fuori questi atteggiamenti, che abbassano il livello dello sport. Di fronte a questi aspetti negativi, i dirigenti e gli atleti animati dalla fede cristiana possono testimoniare la forza umanizzante del Vangelo anche negli ambienti sportivi, e così contribuire a costruire una società più fraterna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori