Impegno umanitario: Premio Aurora, i vincitori degli ultimi anni il 2 ottobre in udienza da Papa Francesco

I protagonisti dell’“Aurora prize for awakening humanity” in udienza da Papa Francesco. L’incontro si svolgerà nella mattina di mercoledì 2 ottobre, in Vaticano. Poi, dalle 13 l’incontro con i giornalisti nel Palazzo Cardinal Cesi, in via della Conciliazione 51, a Roma. Si tratta del riconoscimento annuale da un milione di dollari assegnato in Armenia dall’Aurora Forum a personalità che in tutto il mondo rischiano la propria vita per gli altri nelle aree di conflitto più pericolose. Per l’occasione saranno presenti Marguerite Barankitse, prima vincitrice dell’Aurora Prize nel 2016, che è anche la fondatrice dell’orfanotrofio Maison Shalom e dell’ospedale Rema in Burundi. Ci sarà pure Tom Catena, vincitore dell’Aurora Prize nel 2017, chirurgo, veterano, missionario cattolico, filantropo riconosciuto a livello mondiale e presidente dell’Aurora Humanitarian Initiative. È fondatore del Mother Mercy Hospital nelle montagne Nuba devastate dalla guerra in Sudan. Presente, inoltre, Kyaw HIa Aung, vincitore dell’Aurora Prize nel 2018. È un avvocato e attivista riconosciuto per la sua dedizione alla lotta per l’uguaglianza, l’istruzione e i diritti umani per il popolo rohingya in Myanmar, in carcere per 12 anni. A rappresentare l’Aurora Forum saranno i co-fondatori Ruben Vardanyan e Noubar Afeyan.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori