Festival filosofia 2019: da domani il tema della “persona” al centro di quasi 200 appuntamenti tra Modena, Carpi e Sassuolo

Filosofia protagonista da domani e fino a domenica prossima nelle piazze di Modena, Carpi e Sassuolo, che ospiteranno il Festival della filosofia 2019. Quasi 200 appuntamenti – tutti gratuiti – fra lezioni magistrali, mostre e spettacoli, tutti dedicati al tema “persona”, saranno ospitati in quaranta luoghi diversi delle tre città. Piazze e cortili ospiteranno oltre 50 lezioni magistrali in cui maestri del pensiero filosofico si confronteranno con il pubblico sul tema “persona”, che indica una categoria di lunga durata della cultura europea, fondamento dell’autonomia individuale e dei diritti umani. Sempre immersa in una rete di reciprocità, alla persona si riconduce il principio di dignità, sia nel campo sociale e politico (come per esempio nel caso del lavoro), sia nelle questioni bioetiche di inizio e fine vita. Si indagherà anche il modo in cui l’essere persone – richiamandosi al suo significato originario di maschera – passi attraverso il riconoscimento e la messa in scena del sé in cui si esprime la soggettività di ciascuno. Tra gli ospiti più attesi della 19ª edizione dei festival ci sono Marc Augé, Remo Bodei, Enzo Bianchi, Massimo Cacciari, Colin Crouch, Alain Ehrenberg, Umberto Galimberti, Enrico Giovannini, Michela Marzano, Stefano Massini, Jean Luc-Nancy, Michael Quante, Massimo Recalcati, Michael Rosen, Olivier Roy, Emanuele Severino, Silvia Vegetti Finzi. In programma anche otto “menu filosofici” per ricordare lo storico della filosofia Tullio Gregory, morto a 90 anni a marzo di quest’anno. Sono 24 i filosofi che partecipano per la prima volta al festival, mentre tra gli autori stranieri, due terzi sono al loro debutto al festival. Oltre trenta saranno le mostre proposte in occasione del festival, tra cui le personali di Vittorio Guida e Luisa Menazzi Moretti prodotte da Fondazione Modena arti visive.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo