Diocesi: Ragusa, il 26 settembre ricognizione canonica del corpo del servo di Dio mons. Jacono. Due giorni dopo i suoi resti mortali andranno a Caltanissetta

Sarà un Tribunale nominato dal vescovo di Ragusa, mons. Carmelo Cuttitta, a effettuare il 26 settembre alle 15, nella cattedrale di San Giovanni Battista, la ricognizione canonica del corpo del servo di Dio, mons. Giovanni Jacono. La ricognizione è stata autorizzata dalla Congregazione delle cause dei santi. Il giorno successivo, alle 20, in cattedrale, il vescovo presiederà una concelebrazione eucaristica con i resti mortali del servo di Dio, mons. Jacono.
Il 28 settembre una delegazione della diocesi di Ragusa accompagnerà i resti mortali di mons. Jacono a Caltanissetta, che saranno accolti dalla comunità diocesana accoglierà alle 9,30 in punto in Seminario da dove, compiuti gli atti burocratici di consegna, il feretro del presule verrà traslato processionalmente in cattedrale per la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Caltanissetta, mons. Mario Russotto, e concelebrata da tutto il presbiterio diocesano.
La diocesi di Ragusa ha, infatti, accolto la richiesta che era stata formulata dal vescovo di Caltanissetta di tumulare i resti mortali di mons. Jacono in cattedrale, da lui ricostruita e ampliata dopo il bombardamento del 1943. A Ragusa, in cattedrale, rimarrà una reliquia.
Mons. Giovanni Jacono, proclamato venerabile da Papa Francesco lo scorso 8 novembre, nacque a Ragusa il 14 marzo 1873 e morì a Ragusa il 25 maggio 1957. Fu arcivescovo titolare di Mocisso e vescovo di Molfetta e Caltanissetta.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori