RnS: il 14 settembre il pellegrinaggio nazionale delle famiglie a Pompei. Martinez (presidente), “il Rosario unisce le generazioni”

foto SIR/Marco Calvarese

“Vogliamo metterci insieme e mostrare il volto gioioso delle famiglie, pieno di fede e di speranza. Attraverso il Rosario e la preghiera si tengono unite le tre generazioni: nonni, genitori e figli”. Lo dice al Sir il presidente del Rinnovamento nello Spirito Santo, Salvatore Martinez, presentando il 12° pellegrinaggio nazionale delle famiglie per la famiglia al santuario di Pompei, in programma sabato 14 settembre, sul tema “Chi ama, si mette in movimento… si dona all’altro e tesse relazioni che generano vita”. “Il senso di questo muovere le famiglie, mettersi in cammino attraverso la preghiera, è un rimando anche alla stasi culturale, morale, sociale e politica che la famiglia vive. Il cammino è la forma di chi non si arrende e non si ferma”, spiega Martinez. Ricordando che “nel 2007 ci fu un family day che voleva attestare che le famiglie meritano attenzione, protezione fiscale e politica”, il presidente del Rinnovamento nello Spirito evidenzia che “meritano anche il favore di Dio”. E precisa: “Stanno in piedi perché Dio si prende cura di loro, prima ancora degli uomini”. “La famiglia rimane la cenerentola delle politiche dei nostri Stati e delle nostre democrazie, ma grazie a Dio sta in piedi perché è mossa dalla fede. Così esse riscoprono quella solidarietà di prendersi cura le une delle altre. Una solidarietà che non le tiene fuori dalla storia”. Tra testimonianze e canti, in programma anche la recita del Rosario. “Il Rosario non si agita, mette in azione e in movimento, ma come qualcosa che lega non come qualcosa che divide. Come qualcosa che unisce, non come qualcosa che discrimina”, conclude Martinez.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo