Prevenzione suicidio: Enoc (Ospedale Bambino Gesù), “portare alla luce e parlare con coraggio del problema dei disturbi mentali dei giovanissimi”

Oggi, in occasione della Giornata mondiale per la prevezione del suicidio, l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ha promosso il convegno scientifico “Bambini, adolescenti e suicidio: una nuova emergenza”. Nel corso dell’evento è stata presentata l’anteprima del documentario “Tagli”, di Discovery Italia, che racconta storie vere di autolesionismo giovanile di tre ex pazienti del Bambino Gesù. Il documentario, scritto da Stefano Pistolini, Daniele Autieri e Giuseppe Scarpa, arriva da oggi su Dplay Plus (a ottobre in prima tv su Real Time, canale 31).
“La malattia mentale è forse la condizione di maggiore fragilità che incontriamo nel nostro ospedale. I ragazzi con disturbi mentali vivono una situazione di estrema sofferenza, la loro difficoltà diventa quella della famiglia, che entra in crisi. I genitori si sentono responsabili e tendono a nascondere la realtà che stanno vivendo, schiacciati dallo stigma sociale”, commenta la presidente del Bambino Gesù, Mariella Enoc. “I tentativi di suicidio, gli atti di autolesionismo, più in generale i disturbi mentali tra giovani e giovanissimi sono temi delicati che invece vanno portati alla luce – sostiene Enoc -. Bisogna parlarne, con coraggio, per creare consapevolezza, come è stato fatto nel documentario ‘Tagli’. Lancio un appello affinché tutti, strutture sanitarie, istituzioni, famiglie, si impegnino per dare risposte a questo problema. Dobbiamo tutti fare di più”.
In Italia il trend dei suicidi è in calo: dal 1995 al 2017 il numero dei decessi, in tutte le fasce d’età, si è ridotto del 14%. A fronte di questa diminuzione, crescono i casi di autolesionismo e di comportamento suicidario tra gli adolescenti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo