Cottolengo: il beato Francesco Paleari torna a Pogliano Milanese, peregrinatio nell’ottantesimo della morte

Nell’80° anniversario della morte, l’urna con le spoglie del beato Francesco Paleari, sacerdote cottolenghino saranno accolte per qualche giorno nella sua città natale, Pogliano Milanese. Sabato 14 settembre, l’urna con le spoglie mortali del beato compirà infatti una peregrinatio dalla Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino a Pogliano Milanese. Il corpo del beato, primo sacerdote cottolenghino ad essere proclamato tale, rimarrà esposto alla venerazione dei fedeli presso la chiesa parrocchiale del Comune lombardo fino al 18 settembre, giorno nel quale viene celebrata la memoria liturgica.
Nel pomeriggio del 14 settembre, l’urna, dopo una breve sosta presso la chiesa di Santa Rita in località Bettolino, alle 16 sarà accolta sul sagrato del santuario Madonna dell’aiuto a Pogliano Milanese dove il beato fu battezzato e dove celebrò la sua prima messa. Seguirà poi il corteo verso la chiesa parrocchiale che passerà per la casa nativa in via mons. Paleari. Alle 17.30 si celebrerà la messa con le spoglie del beato e alle 21 è in programma una veglia di preghiera per i ragazzi e i giovani che rimarranno a dormire in tenda nel cortile dell’oratorio San Luigi per la notte “Beati sotto le stelle”. Domenica 15 settembre, alle 10.30, il padre generale della Piccola Casa della Divina Provvidenza, don Carmine Arice, presiederà la Messa solenne nella festa della Comunità pastorale beato Francesco Paleari. Tra le numerose celebrazioni in programma anche quella presieduta alle 21 di martedì 17 dall’arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini. La messa conclusiva della peregrinatio è in programma per le 18.30 di mercoledì 18: sarà il vicario episcopale di zona, mons. Luca Raimondi, a presiedere la celebrazione con i sacerdoti nativi e quelli che hanno esercitato il ministero nella comunità pastorale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo