Diocesi: Gaeta, al santuario della Civita domani la Giornata dell’ammalato

Sarà celebrata domani,  domenica 1° settembre, nel Santuario della Civita, a Itri (Lt), la Giorntata dell’ammalato, trent’anni dopo l’incontro, nell’ambito della sua visita pastorale all’arcidiocesi di Gaeta, tra Giovanni Paolo II e oltre 600 ammalati. Incontro che si svolse nello stesso santuario mariano. Da allora, i passionisti, ogni anno, ricordano lì questo storico evento con la celebrazione di una specifica giornata di preghiera e di incontro con gli ammalati. Domani, dalle 8, e a seguire per tutta la giornata, si celebreranno le messe per i pellegrini che giungeranno al santuario. La messa conclusiva della Giornata dell’ammalato è prevista per le 18 nello spazio antistante il santuario, dove trent’anni fa, Giovanni Paolo II salutò, uno per uno, tutti gli ammalati. “La giornata annuale dell’ammalato – spiega padre Antonio Rungi, delegato arcivescovile per la vita consacrata dell’arcidiocesi di Gaeta – è organizzata da alcune associazioni di volontariato di varie diocesi e località e soprattutto dai gruppi di pellegrini che arrivano alla Civita per pregare la Vergine Maria e affidare a lei le tante sofferenze dei propri familiari, parenti, amici e conoscenti e dell’umanità intera”. Dal 1985 a coordinare le attività spirituali del santuario è la comunità passionista, alla quale è stato affidato dall’arcidiocesi di Gaeta. Saranno presenti alla celebrazione conclusiva don Luigino Ruggiero, responsabile della pastorale sanitaria dell’arcidiocesi di Gaeta, e l’associazione “Piccola Lourdes” di Mondragone, guidata dal responsabile don Emilio Fusco, collaborato dal personale laico che assiste i diversamente abili.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia