Yemen: Msf, “ricevuti 51 feriti nel giro di poche ore per pesanti combattimenti nella città di Aden”

Ieri, mercoledì 28 agosto, la città di Aden, in Yemen, è stata colpita da nuovi pesanti combattimenti tra diversi gruppi armati. Le équipe di Medici senza frontiere (Msf) hanno ricevuto 51 feriti nel giro di poche ore, 10 erano già morti all’arrivo in ospedale. “Ieri ad Aden è stato il caos totale. Ci sono stati combattimenti per tutto il giorno. Le cose sembrano essersi un po’ calmate oggi, ma le ostilità possono riprendere in qualunque momento”, dice Caroline Seguin, coordinatore di Msf in Yemen, che si trova in città.
Gli scontri ad Aden si sono intensificati nelle ultime settimane e oggi all’ospedale di Msf, aperto nel 2012 al centro della città, sono ricoverati 80 pazienti. Ieri sera, un quartiere vicino all’ospedale è stato colpito da un bombardamento della coalizione internazionale.
“Questo è il terzo grosso afflusso di persone ferite in tre settimane e le nostre équipe sono pronte a riceverne altre – continua -Seguin -. A questo punto è difficile capire quali gruppi controllano i diversi quartieri di Aden. L’aeroporto e l’area circostante sono chiusi e c’è un serio rischio di restare intrappolati nei combattimenti”.
Da quando è iniziata la guerra nel marzo 2015, le strutture di Msf sono state colpite sei volte, di cui cinque da attacchi aerei della coalizione. Msf ha informato i diversi gruppi armati e la coalizione della propria presenza all’ospedale di Aden e della sua localizzazione.
A combattere ad Aden sono principalmente le forze leali al presidente Hadi e le truppe del movimento separatista del sud, il Southern Transition Council (Stc). Già alleati contro Ansar Allah, nelle ultime settimane stanno combattendo per il controllo dei governatorati meridionali.
Violenti scontri sono scoppiati anche nei governatorati di Abyan e Shabwah, dove Msf fornisce supporto al sistema sanitario locale attraverso donazioni di farmaci, forniture e attrezzature mediche.
Gli intensi combattimenti delle ultime settimane hanno trasformato Aden in un campo di battaglia con decine di vittime. Tra il 9 e il 12 agosto le équipe di Msf all’ospedale della città hanno ricevuto un afflusso ininterrotto di feriti, fornendo cure mediche a 119 pazienti in meno di 24 ore, di cui 62 richiedevano cure di urgenza. Il 1° agosto, dopo diversi attacchi in due distretti della città, Msf ha ricoverato 16 persone.
Medici senza frontiere lavora in Yemen dal 1986. Attualmente è presente in 12 ospedali e centri sanitari e fornisce supporto a oltre 20 strutture in 11 governatorati.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa