Meeting Rimini: Al-Issa (Lega musulmana), “radicalisti vanno combattuti sul terreno della formazione e dell’istruzione”

“I radicalisti vanno combattuti sul terreno della formazione e dell’istruzione. In Arabia Saudita abbiamo cattedre superiori per affrontare il pensiero radicalista. Facciamo sforzi enormi. Due settimane fa eravamo a Colombo, in Sri Lanka a portare un messaggio di pace e di compassione. Abbattere terrorismo e radicalismo è uno sforzo di tutti. L’odio, la vanità, la paura dell’altro, la divisione sono forme di estremismo, così come manipolare testi religiosi. Tutto questo è estremismo”. Lo ha detto Muhammad Bin Abdul Karim Al-Issa, segretario generale della Lega musulmana mondiale, intervenendo al 40° Meeting di Rimini. “I valori umani – ha sottolineato – sono quelli radicati nel tempo e non quelli che cambiano da un momento all’altro. Questi ultimi non sono valori ma pareri, semplici opinioni. Il dialogo è molto importante perché ci permette di conoscerci e allontana la paura”. A tale riguardo il segretario generale della Lega musulmana mondiale ha salutato con soddisfazione il documento sulla fratellanza umana siglato ad Abu Dhabi da papa Francesco e dal grande Imam di Al Azhar, Al Tayyb, e ha ricordato la nuova “Dichiarazione della Mecca” firmata da 1200 teologi islamici di 139 Paesi musulmani a conclusione della XIV sessione ordinaria della Organizzazione della Cooperazione islamica (Oic), tenutasi a la Mecca il 31 maggio scorso. Nella Dichiarazione, tra le altre cose, “viene ribadito il valore del dialogo e si esorta a costruire ponti di amicizia con tutti, a garantire i diritti umani alle donne, favorire il miglioramento delle condizioni dei bambini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo