Premio Cultura cattolica: assegnato a Flora Gualdani, ostetrica fondatrice di “Casa Betlemme”

Il Premio internazionale Cultura cattolica sarà conferito, nella sua 37ª edizione, a Flora Gualdani, ostetrica impegnata sul fronte della difesa della vita e fondatrice di “Casa Betlemme”. La scelta della giura del premio – spiega la presidente della Scuola di Cultura cattolica Francesca Meneghetti – è legata all’esempio di unità tra vita e fede dato da Flora Gualdani, “mettendosi al servizio delle donne in gravidanza in situazioni di difficoltà che ha incontrato e dando testimonianza che non solo è positiva la fusione di fede e vita, ma che portano grande frutto per tutti anche l’unione di cultura e scienza, di fede e ragione, di carità cristiana e apostolato”. Dopo un viaggio in Terrasanta, Gualdani capisce che la sua vocazione è quella di dedicarsi alla difesa della vita nascente. Inizia così dalle zone afflitte dalla guerra o da calamità naturali (Bangladesh, India, Cambogia, Bosnia), nei luoghi dove la maternità è più a rischio, e senza pregiudizi e preclusioni di credo e cultura aiuta a nascere circa cinquemila bambini. Il suo impegno si sposta poi in Italia dando vita ad opere concrete, come “Casa Betlemme”, fondata nel 1964: una struttura rivolta all’accoglienza delle gestanti in difficoltà attraverso la quale compie un’opera di educazione e di approfondimento culturale sui temi dell’alfabetizzazione bioetica e della teologia del corpo. Il riconoscimento verrà conferito durante la cerimonia che si terrà a Bassano del Grappa (Vicenza), venerdì 8 novembre, alle 20.30, al Teatro Remondini.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia