Assunta: card. Betori (Firenze), “l’etica torni a guidare la ricerca e la tecnologia”

“La fede non è una dimensione della vita accanto alle altre, ma una modalità di guardare alla vita in tutte le sue dimensioni, personali e sociali. Questo va ribadito con forza nei riguardi di chi vorrebbe ridurre la fede nel recinto della coscienza e ostacolarne l’azione nel determinare le scelte e i comportamenti pubblici”. Lo ha detto l’arcivescovo di Firenze, il card. Giuseppe Betori, nell’omelia della messa che ha celebrato ieri in cattedrale, nella solennità dell’Assunzione di Maria. Indicando l’esempio della Vergine, il porporato ha evidenziato che “ciascuno di noi è chiamato a porsi in atteggiamento umile e disponibile verso l’agire di un Dio che ha il potere di dare forma nuova alla vita dell’uomo”. “A rendere possibile questo progetto è la volontà e la forza salvifica di Dio e, nel contempo, la nostra umiltà, la rinuncia alla nostra hybris, alla nostra tracotante superbia, per cui pensiamo di farci dio a noi stessi, addirittura di porre fine alla nostra specie per dar vita a scenari transumani e postumani – ha ammonito il cardinale -. O l’etica torna a guidare comportamenti personali e strutture sociali, ricerca e tecnologia, dagli ambiti biologici fino a quelli della comunicazione, o saremo vittime di noi stessi”. Infine, l’attenzione del card. Betori è rivolta “all’impossibilità di assoggettare la fede a questo o a quel progetto di potere e l’inevitabile alterità della visione cristiana della storia rispetto ai progetti che si misurano sul consenso, sull’accumulo dei beni, sull’esercizio del potere”. “Non deve scandalizzare che lo stare dalla parte dei poveri generi diffidenza in chi pensa che la vita si realizzi nell’affermare se stessi, nel conquistare potere, nell’acquisire ricchezze”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori