Diocesi: mons. Fragnelli (Trapani), “dilatare il cuore all’accoglienza di ogni persona”

“Non temere, Trapani, di condividere la tua storia con tutti i tuoi figli, residenti e in cammino per il mondo; non temere, Trapani, di condividere la tua storia con tutti coloro che bussano alla tua porta; non temere, Trapani, di rispondere alla tua vocazione di finestra aperta sul Mediterraneo e sull’Europa”. Lo ha detto il vescovo di Trapani, mons. Pietro Maria Fragnelli, ieri sera, in occasione della “notte mariana” con lo sbarco dell’immagine della Madonna di Trapani, patrona della città, al porto peschereccio di Trapani. “L’icona di Maria che questa sera approda su questo porto ti spinga su sentieri di fiducia e di speranza – è stato l’incoraggiamento del vescovo per la città -. Tutta questa comunità rappresenta la chiamata a dilatare il tuo cuore all’accoglienza di ogni persona che lascia o vuole lasciare il mare”. “Non temere, Trapani, di ricominciare sempre da capo a tessere fili di comunione e di solidarietà – ha aggiunto mons. Fragnelli -. Non ti scoraggiare di fronte agli egoismi personali e di gruppo che minacciano la vita dei tuoi figli”. Nelle parole del presule anche l’incoraggiamento alle nuove generazioni a “essere assidue e concordi con Maria nella ricerca dei volti, nel camminare col passo dei poveri, nell’impegno di cura della casa comune”. “Non temere, Trapani, di accogliere nel nuovo anno la visita di Cristo Gesù buon pastore. Viene in umiltà, carico di tutte le sofferenze e le insicurezze della tua storia, carico di quella forza divina di amore che porta alla risurrezione ogni persona, ogni famiglia, ogni comunità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori