Diocesi: Carpi, pellegrinaggio mariano al santuario di Santa Croce con l’arcivescovo Castellucci

Si è svolto, stamani, il pellegrinaggio del primo sabato del mese dalla parrocchia del Corpus Domini di Carpi al santuario mariano di Santa Croce. A presiederlo, l’arcivescovo Erio Castellucci, amministratore apostolico della diocesi. Durante la processione, e, poi, nella Messa, si è pregato per il dono di vocazioni sacerdotali e di particolare consacrazione, proseguendo la tradizione iniziata dal vescovo Francesco Cavina. Proprio a mons. Cavina è andato il primo pensiero dell’arcivescovo Castellucci nell’omelia, esprimendogli gratitudine per il ministero esercitato nella Chiesa di Carpi e invitando l’assemblea a ricordarlo nella preghiera. Poi, mons. Castellucci si è rivolto ai presenti e, attraverso di loro, alla diocesi di Carpi. “Vorremmo che questo tempo, in cui tanti pensieri e sentimenti si mescolano nel nostro cuore, fosse un momento di fede, che passa, cioè, attraverso la logica della croce. Che non è un segno di fallimento, ma di purificazione. Per Gesù, infatti, la croce non è stata una sconfitta, ma un passaggio nel quale è andato fino in fondo nell’amore, preparando la resurrezione”. “Quando, nella vita, ci troviamo di fronte a vicende che ci fanno soffrire – ha proseguito il presule – le possiamo guardare in due modi diversi: con i criteri del mondo, in cui conta il successo, ciò che emerge, ciò che si può esibire, dunque la croce è una brutta esibizione; oppure secondo i criteri evangelici, dove ciò che conta non fa rumore, ma avviene in profondità, dietro le quinte. In questa seconda logica, quella appunto della croce, vogliamo vivere questi mesi in cui recuperiamo l’entusiasmo di essere Chiesa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori