Arte e cultura: Mattarella, “la vita del nostro Paese ne è continuamente arricchita”

“Nei giorni scorsi un ospite che visitava il Palazzo, vedendo queste opere, mi ha chiesto se ciò non turbasse l’equilibrio del Quirinale. Ho risposto che non abbiamo alterato, ma abbiamo integrato il suo patrimonio artistico, rendendolo al passo con il contributo che l’arte continua a fornire nel corso del tempo. E questo è il compito della Repubblica, delle sue istituzioni e, per la sua parte, del Quirinale: far vedere come la vita del nostro Paese si arricchisca continuamente, sotto ogni profilo, particolarmente sul versante culturale e artistico”. Lo ha affermato questa mattina il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel suo intervento in occasione dell’inaugurazione del progetto “Quirinale contemporaneo”.
Il Capo dello Stato ha sottolineato come il Quirinale “è un Palazzo che, insieme, raccoglie storia, patrimonio artistico e vita istituzionale che continua. Allo stesso modo, l’arte non si è fermata all’Ottocento. E il Quirinale, punto di riferimento del nostro Paese – non a caso è stato definito ‘la casa degli italiani’ – nel testimoniare il suo rapporto con l’arte, non poteva esaurire questa testimonianza dell’arte fino all’Ottocento”. “Era indispensabile raccogliere al Quirinale espressioni dell’arte contemporanea e del design moderno”, ha aggiunto Mattarella, spiegando che “ci sono circa settanta opere che sono offerte alla presenza e all’osservazione di ospiti, di visitatori, di tutti coloro – e sono tanti – che, giorno per giorno, frequentano il Quirinale”. Dopo aver ringraziato quanti hanno reso possibile la realizzazione del progetto, il presidente ha evidenziato che “insieme offriamo ai nostri concittadini che verranno al Quirinale – come vengono ogni giorno in gran numero – e agli ospiti stranieri che visitano il Quirinale una testimonianza di come l’arte italiana continui a grande livello la tradizione di tanti secoli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo