Carabiniere ucciso a Roma: Nistri (comandante generale), “oggi no a dibattiti, toni e modi non siano la dodicesima coltellata”

“L’autopsia ha indicato che Mario è stato trafitto da 11 coltellate. Si eviti la dodicesima coltellata al cuore d’oro di Mario. Sono giusti e legittimi i dibattiti, ma non oggi. E i toni e i modi non siano la dodicesima coltellata”. Lo ha affermato il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, il generale Giovanni Nistri, al termine del funerale, a Somma Vesuviana, di Mario Cerciello Rega, il vicebrigadiere ucciso a Roma nella notte del 26 luglio mentre, con un collega, era impegnato in una operazione in borghese. Rivolgendosi alla famiglia del carabiniere, Nistri ha detto che “noi non possiamo sostituire chi non c’è più, ma cercheremo di starvi vicini non come obbligo formale, ma perché è quello che si fa in una famiglia”. “Voi continuerete a essere dei nostri”. Ripercorrendo la carriere del militare, il comandante generale ha ricordato che “nel 2008, a 24 anni, aveva fatto una scelta, indossare la divisa”. Così “è andato a Roma nella scuola allievi”. “Roma era nel suo destino, è stato in servizio alla Stazione di piazza Farnese. Non contento di quello che faceva come carabiniere, nel 2017 ha studiato, ha fatto il concorso di vicebrigadiere. Non è il grado che fa la persona – ha aggiunto -, ma era una persona che voleva avere maggiori responsabilità”. Soffermandosi sul “Mario uomo”, Nistri lo ha presentato come “uno sposo felice”, che “aiutava la famiglia”. “Era il capofamiglia, andava a coltivare i campi e a raccogliere le nocciole. Era volontario dell’Ordine di Malta. Si è speso per gli altri da volontario come si spendeva da carabiniere, aiutando i poveri, portando cibo e vestiti, accompagnando i malati a Lourdes, facendo il proprio servizio”. Infine, dal comandante generale due richieste: “rispetto e riconoscenza”. “Grazie Mario per quello che sei stato – ha esclamato -, per aver ricordato a tutti chi sia davvero il carabiniere e che cosa davvero debba fare e quali sono i valori cui davvero deve ispirarsi un carabiniere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo