Strage via d’Amelio: “Libero Cinema in Libera Terra”, a Messina prima della proiezione del film saranno ricordate parole di Paolo Borsellino

Racconta l’eterna lotta tra ricchi e poveri che vede contrapposte due bande di giovanissimi, in una Puglia dove è bandita ogni presenza adulta. È “La guerra dei cafoni” di Davide Barletti e Lorenzo Conte il film che verrà proiettato oggi, venerdì 19 luglio, al Villaggio Cep di Largo Viale delle Essenze, a Messina, come prima tappa siciliana di “Libero Cinema in Libera Terra”, il Festival di cinema itinerante contro le mafie, giunto alla sua 14ª edizione.
Nel giorno del 27° anniversario della strage di via d’Amelio, in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta, ad apertura di serata, quindi alle 20, sul grande schermo scorreranno le fotografie realizzate dagli studenti di Messina, ricordando le parole di Paolo Borsellino. Seguirà “Mafia liquida”, performance tra cinema e fumetto con Vito Baroncini alla lavagna luminosa, quindi la proiezione del film.
L’evento si realizza in collaborazione con il presidio di Libera Messina “Nino e Ida Agostino”, Liceo Ainis, Istituto Catalfamo, Oratorio Padre Annibale, associazione “Ecosmed” e fa parte dell’incontro tra Libero Cinema e “Schermi in Classe/l’Etica Libera la Bellezza”, un progetto di Cinemovel e Libera, sostenuto da Miur e Mibac nell’ambito del Piano Nazionale “Cinema per la scuola”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori