Ospedale Monopoli: Anelli (Fnomceo) su indagine in corso, “la legalità sia la bandiera della professione medica”

“Per essere buoni medici non servono solo le competenze professionali. È indispensabile seguire principi etici, rispettare la legalità e osservare tutti i valori racchiusi nel Codice deontologico. Spiace che professionisti affermati e competenti siano coinvolti in questa indagine: se accertati, i capi d’accusa dimostrerebbero quantomeno superficialità e scarso rispetto delle regole e dei precetti deontologici”. Così il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli – che è anche presidente dell’Ordine di Bari – interviene in merito all’inchiesta, condotta dai carabinieri e coordinata proprio dalla procura barese, che ha visto all’Ospedale “San Giacomo” di Monopoli trenta persone indagate – di cui tredici arrestate – per ‘assenteismo’. La legalità, prosegue Anelli, è “nel Dna della professione medica, che ha come obiettivo quello di aiutare e rispettare il prossimo, guadagnandosi così un forte ruolo di catalizzatore di coesione e unità sociale. Ogni comportamento antisociale, che danneggia la collettività, è pertanto un vulnus alla professione stessa, ai suoi principi, ai suoi obiettivi”. La legalità, conclude il presidente Fnomnceo, “sia la nostra bandiera, il rispetto delle norme e, prima ancora, delle persone la nostra guida, il codice il faro che illumina la nostra strada”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo