Commissione Ue: presidente Von der Leyen sulla stampa internazionale. “Promesse da mantenere”

(Strasburgo) “È uno scandalo” titola Die Zeit stamane, riferendosi al “modo discutibile” in cui Ursula von der Leyen ha assunto la carica di presidente della Commissione europea. “Può eliminare questo difetto solo se soddisfa velocemente le sue molte promesse”. Fare ciò che ha elencato infatti non è solo un’“impresa titanica”, ma “tante imprese titaniche insieme”. “Von der Leyen propone di trasformare l’Europa con un programma verde, femminista e sociale”, scrive invece lo spagnolo El Pais, che definisce “buono” il programma della nuova presidente, “concordato nei minimi dettagli con i grandi gruppi politici” e in grado di sostituire “al sostegno iniziale di settori ultra populisti”, i favori di “socialdemocratici e i liberali”. Le Monde invece descrive Ursula von der Leyen, come “europeista con una storia controversa in Germania”, riferendosi al fatto che “prima di diventare presidente della Commissione europea, è stata ministro della difesa in Germania, dove la sua reputazione è un po’ appannata”. Nel pezzo in cui la polacca Wyborcza riferisce delle elezioni, conclude domandando come mai il partito euroscettico Diritto e giustizia (PiS) abbia all’ultimo momento deciso di dare il proprio sostegno: “ha ottenuto la promessa dai democratici cristiani che non sarebbe stato loro il candidato polacco per il commissario Ue? O forse la promessa di un buon portafoglio per un polacco in Commissione? Oppure, come partito di governo, hanno semplicemente pensato che è saggio avere una relazione corretta con il nuovo capo della Commissione?”.
Oltre manica scrive il Guardian: “Ursula von der Leyen è stata eletta prima donna presidente alla Commissione europea”, mentre il titolo del The Times è “il nuovo boss dell’Ue dice che la Gran Bretagna non può evitare il backstop”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa