Violenza sulle donne: Cottolengo, parte da Torino la campagna “Homo Sapiens?”

Lunedì 15 luglio parte da Torino “Versus”, una campagna sociale per prevenire e contrastare la violenza sulle donne, promossa dalla Piccola Casa della Divina Provvidenza (Cottolengo), in collaborazione con altri partners, e finanziata da un bando della Presidenza del Consiglio dei ministri–Dipartimento delle Pari opportunità.
Il titolo, “Homo Sapiens?”, si rivolge agli uomini per arrivare a quelle realtà nascoste dentro le mura domestiche dove la violenza è di casa. La domanda provocatoria, aperta e diretta, invita a guardarsi dentro perché solo partendo dalla coscienza di ognuno è possibile un vero cambiamento. La risposta è contenuta nel messaggio in calce al manifesto dove si esplicita che “ogni violenza sulle donne è un passo indietro nell’evoluzione”. Il progetto invita, appunto, ad abbandonare un mero atteggiamento pietistico nei confronti delle donne e a porre il focus su colui che commette la violenza. L’immagine scelta per la campagna pone di fronte all’uomo di Neanderthal, antenato che faticosamente ha trovato un equilibrio tra i suoi istinti aggressivi e una dimensione umana priva di violenza. Questi istinti disumani emergono ogni volta che si trattano le donne senza rispetto attraverso violenze fisiche e psicologiche.
“Versus” prevede l’attuazione di tre azioni progettuali per raggiungere gli obiettivi: una campagna sociale, uno spettacolo teatrale, e una mirata proposta di attività e sensibilizzazione nelle scuole.
La campagna sociale, che durerà 18 mesi e avrà un raggio d’azione locale, regionale e nazionale, utilizzerà vari mezzi di comunicazione: affissione di poster su bus e tram, spot radio e tv, pubblicazioni sui quotidiani a livello locale e nazionale e diffusione sul web.
Previsto anche uno spettacolo teatrale, messo in scena in luoghi non convenzionali, come le piazze, portando “sul palcoscenico proprio chi ha usato la violenza, per cercare di capire chi sono queste persone e quali sono i loro vissuti” e per favorire “l’abbattimento dei pregiudizi” e far “emergere la figura femminile come essere umano al pari dell’uomo”. Il gruppo di attori sarà composto da giovani che frequentano a vario titolo la Piccola Casa e studenti del corso di laurea Dams dell’Università di Torino.
Nelle scuole torinesi verranno attivati percorsi che coinvolgeranno le classi secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado.
I risultati attesi dalle azioni di “Versus” intendono aumentare il livello di conoscenza del fenomeno, incrementare lo spirito critico rispetto all’osservanza dei diritti umani, proporre una lettura delle differenze di genere intese nella dimensione della relazione fra uomini e donne e, infine, incentivare la responsabilizzazione verso atteggiamenti e comportamenti interpersonali basati sul rispetto dell’identità. Il progetto prevede, inoltre, un’azione di monitoraggio e una di valutazione finale realizzata da un’esperta in progettazione. Info: www.homo-sapiens.eu

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori