Argentina: documento leader religiosi per le elezioni presidenziali, “priorità sono cultura del dialogo e attenzione ai poveri”

Un documento dedicato alle elezioni presidenziali del prossimo ottobre, in Argentina. Lo hanno pubblicato le Chiese e le comunità religiose, in occasione della Festa nazionale, celebrata lo scorso 9 luglio. Il documento, diffuso nella tarda serata di ieri (ora italiana), è firmato dal presidente della Conferenza episcopale argentina, mons. Oscar Ojea, dal presidente dell’Alleanza cristiana delle chiese evangeliche della Repubblica Argentina (Aciera), il pastore Rubén Perotti, dal presidente della Federazione argentina delle Chiese evangeliche (Faie), il pastore Néstor Miguez, dal presidente della Delegazione delle associazioni israelitiche argentine (Daja), Jorge Knobiovits, dal presidente dell’Istituto islamico per la pace Sumer Noufori, dal sacerdote Guillermo Marcó e dal rabbino Daniel Goldman, dell’Istituto per il dialogo interreligioso (Idi). “Non c’è libertà senza fraternità”, scrivono i leader religiosi, i quali ricordano che “il popolo argentino nasce all’interno di uno spazio fraterno di solidarietà latinoamericana che non può essere cancellato dalla memoria storica”. “Cultura del dialogo e attenzione agli ultimi devono essere le priorità di chi guiderà il Paese”. Infatti, si legge nel documento, “eleggere autorità ci pone di fronte all’irripetibile occasione di intavolare un dialogo sul nostro presente e sul nostro futuro, che rappresenti la speranza che abbiamo per il nostro Paese. La cultura del dialogo come cammino, il rispetto dell’altro come condotta e l’inclusione in ciascun progetto di coloro che maggiormente soffrono la povertà e l’esclusione, devono essere le priorità a livello di criterio e metodo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori