Cinema: Sonzogni (Siloe Film Festival), “cercheremo di rispondere a interrogativi in forma problematica”

Quest’anno Siloe Film Festival, in programma dal 19 al 21 luglio al monastero dell’Incarnazione a Poggi del Sasso (Grosseto), ambisce a provare a rispondere ad alcuni interrogativi “non in forma di risposta ma, come il buon cinema sa fare, in forma problematica”. Lo ha detto il direttore artistico, il regista e attore Fabio Sonzogni, in occasione della presentazione, stamattina nel Palazzo vescovile di Grosseto, sesta edizione dell’evento culturale, organizzato dalla comunità monastica di Siloe, attraverso il proprio centro culturale “San Benedetto”, con la collaborazione della Fondazione Ente dello spettacolo, della Fondazione Comunicazione e Cultura della Cei e dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali. Il festival gode del patrocinio della diocesi, della Regione Toscana e della Provincia. Quali sono questi interrogativi? “Quando oggi utilizziamo la parola realtà – risponde il direttore artistico del Siloe Film Festival – siamo certi di indicare la stessa cosa che i nostri interlocutori, udendola, immaginano? Il cinema non è forse la caverna delle apparenze? L’arte è capace di narrare la luminosità del vero? A realtà viene spesso associato il termine verità e c’è chi tra i due inserisce il segno di equivalenza. La relazione tra loro, credo, stia mutando; è quindi opportuno interrogarsi”. Info: www.siloefilmfestival.it e sulla pagina Fb https://www.facebook.com/www.monasterodisiloe.it/

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori