Notizie Sir del giorno: messaggio Giornata creato, funerali Sgreccia, Galantino su degrado sociale, salvataggi in mare, povertà minori in Argentina, DiscoverUe, padre Secondin

Giornata del creato: messaggio Cei, “imparare a guardare alla biodiversità per prendercene cura”

“Imparare a guardare alla biodiversità, per prendercene cura”: è uno dei richiami dell’enciclica Laudato si’, rilanciato dalla Cei nel Messaggio per la Giornata nazionale per la Custodia del Creato, che la Chiesa italiana celebrerà il primo settembre prossimo. Oltre all’enciclica di Papa Francesco, il riferimento del Messaggio – firmato da due Commissioni episcopali Cei: la Commissione per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace e la Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo – è il Sinodo che ad ottobre sarà dedicato all’Amazzonia, una regione che è “un polmone del pianeta e uno dei luoghi in cui si trova la maggior diversità nel mondo”. La Giornata per la Custodia del Creato è, quindi, quest’anno per la Chiesa italiana “un’occasione per conoscere e comprendere quella realtà fragile e preziosa della biodiversità, di cui anche la nostra terra è così ricca”. Proprio il territorio italiano, infatti, “è caratterizzato da una varietà di organismi e di specie viventi acquatici e terrestri, a disegnare ecosistemi che si estendono dagli splendidi boschi delle Alpi – le montagne più alte d’Europa – fino al calore del Mediterraneo”. (clicca qui)

Funerali card. Sgreccia: card. Re, “fu un padre e un maestro”

“Ci mancherà la grande capacità che aveva di coinvolgere persone, organizzazioni e istituzioni per una ‘alleanza a favore della vita’. Resterà però il suo insegnamento organico e robusto; resteranno le sue numerose pubblicazioni; resterà soprattutto la sua testimonianza. Fu un padre e un maestro”. Lo ha affermato il card. Giovanni Battista Re, vice decano del Collegio Cardinalizio, durante le esequie nella Basilica vaticana del cardinale Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la Vita. Il card. Sgreccia, ha ricordato il vice decano nelle parole riportate da Vatican News, ha dovuto sovente andare “contro vento”. “Egli spiegava la scelta di questo titolo affermando che, quando nel cammino dell’uomo sorge un ostacolo o un problema, non ci si deve arrestare, né piegarsi agli eventi, né nascondersi, ma si deve dispiegare la vela alla ricerca di un approdo valido e di una soluzione umanamente piena e di più alto valore”. “In altre parole, non la fuga, non il compromesso, ma la fedeltà ai principi ed ai valori, in stretta unione col Magistero della Chiesa”. (clicca qui)

Degrado sociale: mons. Galantino (Apsa), chi fomenta odio “non sta solo in una parte politica e non sta solo in Italia”

Degrado sociale, secondo mons. Nunzio Galantino, presidente dell’Apsa, è anche chi soffia sulla guerra fra poveri. “Non intendo fare riferimenti a circostanze specifiche”, ha precisato a margine della conferenza internazionale della “Centesimus Annus – Pro Pontefice” in Vaticano. “Lo ripeto con grande forza: degrado sociale è anche il plauso che circonda il cinismo arrogante di chi fomenta la guerra fra poveri. Guardate che questo fomentare la guerra fra poveri non sta solo in una parte politica e non sta solo in Italia. Fermarsi perciò a fare il nome di Tizio o di Caio, è una offesa alla gravità ancora una volta di un fenomeno che ha degli orizzonti molto ampi”. (clicca qui)

Migranti: Mattarella, “salvataggio di vite umane dà prestigio al Paese”

“L’azione della Marina è fondamentale: è l’azione che garantisce la sicurezza del nostro Paese, dei suoi mari e delle sue coste sotto ogni profilo: la sicurezza in generale, il mantenimento della pace, la sicurezza della libertà di navigazione e dei commerci, la sicurezza delle infrastrutture, il salvataggio di vite umane – in questi anni con molta intensità – che ha reso prestigio al nostro Paese”. Lo ha affermato questa mattina il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ricevendo al Quirinale una rappresentanza della Marina Militare per la Festa della Marina. “Questa azione – ha proseguito il Capo dello Stato – viene svolta non soltanto nel nostro mare – il Mediterraneo – con l’operazione ‘mare sicuro’, che garantisce la sicurezza del mare avanti a noi, ma anche lontano. E anch’io sottolineo l’importanza dall’Operazione Atalanta, che ha recato al nostro Paese un grande prestigio in sede internazionale”. Mattarella ha voluto “rivolgere anche un saluto e un ringraziamento a quella branca della Marina che è la Guardia costiera per l’opera preziosa che svolge per i nostri confini, per il nostro mare e sul nostro mare, con grande generosità”. (clicca qui)

Argentina: Osservatorio Uca, “oltre un bambino su due è povero. Uno su dieci vive in indigenza e va a letto senza cenare”

Più di un minore su due in Argentina può essere considerato povero. Quasi uno su tre non riesce a soddisfare esigenze di base. Uno su dieci vive in indigenza. Il 13% soffre la fame e va a letto alla sera senza cena. Sono i numeri snocciolati dagli esperti dell’Osservatorio del disagio sociale dell’Università Cattolica argentina (Uca). Il rapporto riguarda l’infanzia e la diseguaglianza. I dati fotografano una situazione in peggioramento rispetto ai precedenti rilevamenti. In qualche caso, i numeri sono i più negativi della serie “storica” delle indagini portate avanti dall’Osservatorio. Una situazione preoccupante per due motivi: perché i minori sono una parte fragile e preziosa della società; e perché risulta con chiarezza che minori poveri sono la conseguenza di famiglie povere. Un disastro sociale, che vede “i minori come principali vittime”, del quale “i politici devono farsi carico”, ha ammonito il coordinatore dell’Osservatorio, il sociologo Agustín Salvia. Il rischio di carenza alimentare è cresciuto del 35% nell’ultimo biennio, il 29,3% non soddisfa le esigenze alimentari per problemi economici, il 13% vive direttamente l’esperienza della fame. Si tratta dei numeri peggiori del decennio. (clicca qui)

Ue: 20mila diciottenni conosceranno l’Europa grazie al programma DiscoverUe

(Bruxelles) Altri 20mila diciottenni partiranno tra il 1° agosto 2019 e il 31 gennaio 2020 per la terza edizione di DiscoverUe, l’iniziativa della Commissione europea che permette ai giovani di viaggiare in Europa per un massimo di 30 giorni e così “conoscere il patrimonio culturale e la diversità dell’Europa, entrare in contatto con altri giovani e scoprire la loro identità europea”. Le domande giunte a Bruxelles sono state quasi 95mila, provenienti da tutti gli Stati membri dell’Ue. I 20mila sono stati scelti in base a criteri di aggiudicazione e a quote per ciascuno Stato membro. Dall’inizio del progetto 275mila giovani hanno presentato la propria candidatura, tra loro 50mila hanno avuto la possibilità di viaggiare. Un’altra tornata si aprirà “prima della fine dell’anno, quando saranno disponibili altri 20mil biglietti”, rende noto un comunicato da Bruxelles. DiscoverEu è stata varata nel giugno 2018, in seguito alla proposta del Parlamento europeo, con un bilancio di 12 milioni di euro nel 2018 e 16 milioni nel 2019. Nel maggio 2018 la Commissione ha proposto di stanziare 700 milioni di euro ponendo DiscoverEU nel futuro programma Erasmus per il periodo 2021-2027; ciò permetterebbe ad altri 1,5 milioni di diciottenni di viaggiare nei prossimi 7 anni. (clicca qui)

Religiosi: è morto il carmelitano padre Bruno Secondin

È morto dopo una lunga malattia padre Bruno Secondin, carmelitano. Aveva 78 anni ed era stato ordinato sacerdote a 25 anni, dedicando la vita a trasmettere la Parola di Dio attraverso gli incontri di Lectio divina. È stato docente di spiritualità moderna e fondamenti di vita spirituale alla Gregoriana e viveva nella Chiesa di Santa Maria in Traspontina di Via della Conciliazione a Roma, a due passi da San Pietro. Ha scritto una trentina di libri su vari temi di spiritualità e nel 2015 ha guidato ad Ariccia gli esercizi spirituali per la Curia con Papa Francesco nel tempo di Quaresima. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa