This content is available in English

Lavoro: Eurostat, disoccupati ai minimi storici nell’Ue. Ma ci sono ancora 15 milioni di persone senza impiego

(Bruxelles) Repubblica Ceca, Germania e Paesi Bassi – in questo ordine – hanno ridotto all’osso la disoccupazione. Sul fronte opposto le maglie nere del mercato del lavoro spettano ancora una volta a Grecia, Spagna e Italia. La conferma viene da Eurostat, che diffonde oggi i dati sulla disoccupazione in Europa. “Nell’area dell’euro”, cioè nei 19 Paesi che adottano la moneta unica, “il tasso di disoccupazione destagionalizzato è stato del 7,6% nell’aprile 2019, in calo dal 7,7% registrato nel marzo 2019 e dall’8,4% di aprile 2018”. Si tratta, afferma una nota esplicativa di Eurostat, “del tasso più basso registrato nell’area dell’euro dall’agosto 2008”. Nell’Ue28, invece, il tasso di disoccupazione “si è attestato al 6,4% nell’aprile 2019, invariato rispetto a marzo 2019 e in calo dal 7,0% nell’aprile 2018”. È il tasso più basso verificatosi dal gennaio 2000. Secondo Eurostat, nell’aprile 2019, nell’Ue28 i disoccupati totali sono 15 milioni e 802mila (12 milioni e mezzo nell’area dell’euro). Rispetto a marzo 2019, il numero di disoccupati è diminuito di 108mila unità su scala Ue.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa