Bambini e ragazzi: garante infanzia, “sette cantieri aperti” per attuazione diritti in Italia

Sono sette almeno i “cantieri aperti” per l’attuazione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia sui quali richiama l’attenzione la Relazione al Parlamento sull’attività dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia) nel 2018, presentata oggi da Filomena Albano, nella Sala della Regina di Montecitorio, alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e del presidente della Camera, Roberto Fico. Ala luce delle emergenze attuali, i sette ambiti prioritari di intervento per le istituzioni e il mondo degli adulti in generale a tutela di bambini e ragazzi che vivono nel nostro Paese riguardano i rapporti familiari, la violenza sull’infanzia, l’inclusione, il rapporto dei minorenni con la giustizia, le dipendenze e la salute, l’educazione e l’Autorità garante. Rispetto alla conciliazione dei tempi di vita e quelli di lavoro, “i bambini ascoltati dall’Agia hanno chiesto espressamente di condividere con i genitori tempi e spazi significativi nella quotidianità”. Vanno strutturati, perché questo accada, “interventi di conciliazione vita-lavoro”: se educare significa anzitutto esserci, questo deve essere possibile a tutti. Quando si diventa genitori, poi, non si è sempre preparati. Vi sono poi situazioni di particolare fragilità familiare nelle quali è fondamentale offrire, fin da subito, un supporto alla genitorialità. Per affiancare i neogenitori e sostenerli occorre, tra le varie misure, “diffondere l’home visiting, vale a dire visite domiciliari nei primi mesi di vita del bambino, finalizzate a sviluppare le competenze genitoriali”.
Attenzione è dedicata anche alle separazioni. Gli ultimi dati dell’Istat risalgono al 2015: in quell’anno sono state verificate 91.706 separazioni che per il 53,6% dei casi hanno coinvolto figli minorenni. L’Agia propone che divengano misura strutturale i “Gruppi di parola”, luoghi nei quali bambini e ragazzi si confrontano con i coetanei e rielaborano, sotto la guida di esperti, l’esperienza della separazione. Inoltre, l’Autorità garante ha redatto la “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori” che individua dieci punti fermi partendo dal punto di vista di bambini e ragazzi. Si tratta dell’unico documento del genere in Europa, pubblicato sul sito del Consiglio d’Europa e tradotto in inglese e spagnolo. Altre questioni riguardano i minori con genitori detenuti e i care leaver.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo