Instrumentum laboris per Sinodo sull’Amazzonia: card. Baldisseri, “avviare nuovi cammini”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Presentare la situazione pastorale delle Chiese locali e avviare nuovi cammini per una più incisiva evangelizzazione e allo stesso tempo proporre una riflessione sulla problematica ecologia che interessa la regione per promuovere un’ecologia integrale, secondo l’enciclica Laudato si'”. Così il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, ha presentato, in sala stampa vaticana, l’Instrumentum laboris dell’Assemblea speciale del Sinodo dei vescovi per la Regione Panamazzonica, in programma dal 6 al 27 ottobre sul tema: “Amazzonia: nuovi cammini per la Chiesa e per una ecologia integrale”. Nella parte centrale del testo, ha sottolineato il cardinale, sono elencate “le sfide e le speranze della Chiesa profetica in Amazzonia, con volto amazzonico e missionario, coinvolta in processi di inculturazione e di interculturalità, una Chiesa che vive la sua fede attraverso una liturgia inculturata, una Chiesa che svolge la sua vita nella cosmovisione indigena sia all’interno delle comunità locali sia nell’apertura all’evangelizzazione urbana, una Chiesa aperta al dialogo interreligioso, una Chiesa che intende adoperare i mezzi di comunicazione al servizio della promozione integrale umana e vuole assumere sempre di più un ruolo profetico nella società”. Al Sinodo di ottobre, ha ricordato Baldisseri, parteciperanno tutti i vescovi residenziali e gli ordinari delle 9 circoscrizioni ecclesiastiche Panamazzoniche in Bolivia, Brasile, Ecuador, Perù, Colombia, Venezuela, Guyana francese, Guyana e Suriname; i presidenti delle sette Conferenze episcopali coinvolte nella Regione Panamazzonica (Antille, Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù e Venezuela); alcuni capi dicastero della Curia Romana; la presidenza della Rete ecclesiale panamazzonica (Repam); i membri del Consiglio pre-sinodale nominati dal Santo Padre per la preparazione dell’Assemblea speciale. Saranno presenti, inoltre, quindici religiosi della Regione panamazzonica eletti dall’Unione dei Superiori generali e alcuni membri di nomina pontificia, in virtù della loro competenza in relazione all’area geografica in questione. Completano il quadro dei padri sinodali alcuni esperti, ecclesiastici e laici, con conoscenze specifiche nella materia del Sinodo; uditori e uditrici, ecclesiastici e laici, “il cui compito è rendere testimonianza di vita in relazione all’argomento sinodale”; delegati fraterni delle altre Chiese cristiane e comunità ecclesiali; inviati speciali rappresentanti di altre religioni e organismi vari. Relatore generale sarà il card. Claudio Hummes, arcivescovo emerito di San Paolo e presidente della Repam, affiancato da due segretari speciali: mons. David Martinez de Aguirre Guinea, vicario apostolico di Puerto Maldonado, e padre Michael Czerny, sottosegretario della Sezione migranti e rifugiati del dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo