Autismo: Albano Laziale, firmato protocollo tra Asl Roma 6 e Ufficio scolastico regionale per nuovo percorso di assistenza a bambini e ragazzi

Firmato questa mattina ad Albano Laziale il protocollo fra Asl Roma 6 e Ufficio scolastico regionale del Lazio, per offrire un nuovo percorso di assistenza a bambini e ragazzi affetti da disturbi dello spettro autistico. Obiettivo mettere in campo il miglior iter possibile di diagnosi, terapia e presa in carico, alla luce delle conoscenze scientifiche e psicopedagogiche attualmente disponibili. “La ragione che ci ha indotto a sviluppare un Pdta (Percorso diagnostico terapeutico assistenziale) ad hoc per l’autismo”, ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda, “è la necessità di riqualificare e potenziare gli interventi, garantendo risposte assistenziali appropriate e uniformi sul territorio, ma anche sostenibili e adeguate ai bisogni delle persone con autismo, così come esplicitato nei Lea e indicato dalle recenti normative nazionali e regionali, che ci hanno sostenuto nell’avvio di un percorso strutturato”. Dallo studio dei dati della Asl Roma 6 emerge, nel territorio, la presenza di 549 casi con disturbo dello spettro autistico in età evolutiva (2-18 anni). L’integrazione nel contesto scolastico risulta quanto mai cruciale affinché i ragazzi affetti da autismo conquistino una qualità di vita soddisfacente e perché lo stigma venga superato, spiega Gildo De Angelis, direttore generale Usr Lazio: “La scuola rappresenta un’opportunità irrinunciabile e determinante per la facilitazione di competenze sociali e adattive, per cui è più che mai necessario stabilire accordi interistituzionali mirati a mettere in rete tutte le risorse impegnate in questo specifico percorso”. In estrema sintesi, i disturbi dello spettro autistico descrivono quadri clinici variabili, ma riconducibili ad alcuni sintomi comuni che rappresentano il nucleo centrale dello sviluppo atipico: la compromissione della comunicazione e dell’interazione sociale e la presenza di interessi ristretti e comportamenti stereotipati. Il Pdta è un percorso che si svilupperà attraverso attività clinico-diagnostiche e riabilitative, implementate da azioni attuabili attraverso i progetti terapeutico riabilitativi personalizzati che permettono di proporre interventi innovativi, fra cui quelli comportamentali, ma anche mediati dai genitori e azioni a sostegno di altri genitori ed educatori, come il parent coaching e il teacher training.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo