Migranti: Maniscalco (Rim Junior), “un volume per percorrere pagine note e meno note della storia nazionale e internazionale”

“Il Rim Junior nasce con lo scopo di narrare ai ragazzi in un linguaggio semplice e accattivante, la mobilità italiana nel mondo. Oggi un fenomeno in crescita che registra un +36,2% solo negli ultimi cinque anni. Un +64,7% invece dal 2006”. Ad affermarlo Daniela Maniscalco, che ha curato i testi del volume “Rim Junior 2018-2019”, promosso dalla Fondazione Migrantes e presentato oggi a Roma, presso la Camera dei Deputati. Maniscalco, nel ricordare che il tema di questa seconda edizione è l’emigrazione narrata attraverso i luoghi, ha sottolineato come “attraverso le avventure di donne e di uomini italiani che sono andati a vivere in diverse città del mondo, i più giovani avranno la possibilità di percorrere pagine note e meno note della storia nazionale e internazionale”: “Si scoprirà così – ha dichiarato – chi era il nostro concittadino che a Londra insegnava l’italiano alla regina, perché ad Amsterdam c’è una strada dedicata ai banchieri lombardi. E ancora perché ad Alessandria d’Egitto tutti volevano le balie italiane”. Tante inoltre le novità, a cominciare dalla presenza delle donne “che svolgono un ruolo chiave all’interno di ‘Rim Junior’ e dalle illustrazioni molto più numerose rispetto alla prima edizione”. “Anche la scelta dei colori vivaci – ha aggiunto – non è casuale. Perché vuole trasmettere l’entusiasmo, le speranze, di chi si mette in viaggio”. “Ad arricchirlo – ha concluso – l’utilizzo del QR code che catturerà l’attenzione dei giovani appassionandoli ai contenuti aggiuntivi on line”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo