Diocesi: Pistoia, il vescovo incontra rappresentanti aziende vivaistiche per un confronto su green economy e sviluppo sostenibile

C’è attesa e una certa curiosità per l’incontro fissato per sabato 15 giugno, alle ore 10 presso Villa Rospigliosi (Candeglia), tra il vescovo di Pistoia, mons. Fausto Tardelli, e le principali aziende e i rappresentanti delle associazioni del settore vivaistico.
Molte infatti le adesioni all’incontro che per la prima volta permetterà un faccia a faccia tra il vescovo e una nutrita delegazione delle aziende che rappresentano uno dei principali pilastri economici ed occupazionali della città e dell’intera diocesi.
La mattinata – organizzata in collaborazione con l’Ufficio pastorale sociale e del lavoro – servirà a fare il quadro della situazione del settore, inquadrarne le criticità, offrire spunti di riflessione anche alla luce della dottrina sociale della Chiesa e della “Laudato si’”.
“Sono davvero lieto che questa mia proposta sia stata raccolta dagli imprenditori della città – afferma mons. Tardelli -. L’attenzione ai temi che riguardano il rapporto tra lo sviluppo dell’economia e l’impatto ambientale che ciò ha sulla salute degli uomini e sulle condizioni del pianeta è sempre più forte e, aggiungo io, giustamente. Sono convinto che sia possibile uno ‘sviluppo sostenibile’ e che l’ingegno, la fantasia, le risorse, di cui è capace l’uomo animato da buona volontà, siano tali da poterlo realizzare. Anche qui, nella nostra amata Pistoia”.
“Il lavoro di supporto alla creazione di reti e allo sviluppo di un dialogo fecondo tra le frange economiche e sociali della diocesi è uno degli obiettivi fondamentali della pastorale sociale – afferma Selma Ferrali, direttrice dell’Ufficio -. Un passaggio imprescindibile è dunque l’incontro e il dialogo finalizzato alla ricerca del bene comune”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo