Diocesi: Piacenza-Bobbio, premio “Antonino d’oro” al vescovo emerito di Chuquibambilla mons. Domenico Berni

“Un atto di stima e di gratitudine nei confronti di un figlio della nostra chiesa piacentina-bobbiese che ha dedicato quasi cinquant’anni della sua vita alla missione in Perù, prima come sacerdote e poi come vescovo, svolgendo sempre il suo ministero con passione, umiltà e fedeltà nei confronti del popolo a lui affidato e in particolare verso i più poveri”. Così i canonici del Capitolo della basilica di Sant’Antonino Martire di Piacenza, hanno annunciato oggi l’assegnazione del primo “Antonino d’oro 2019” a mons. Domenico Berni, agostiniano, vescovo emerito della prelatura di Chuquibambilla in Perù, nel cuore della Cordigliera delle Ande.
In un contesto dove vivono tra le persone più povere del Perù, mons. Berni si è prodigato – si legge nelle motivazioni del riconoscimento – “senza riserve nell’attività di evangelizzazione e di promozione umana” dando “continuità e sviluppo all’azione missionaria dei padri agostiniani iniziata nel 1968 per volontà di san Paolo VI”. Con uno stile di vita “umile e riservato, ha saputo mostrare il senso e la bellezza contenute nella vocazione sacerdotale” in un contesto culturale e sociale come quello odierno “in cui la figura del prete è spesso esposta al rischio di perdere di significato e di credibilità”.
Mons. Berni è nato il 26 maggio 1940 a Piane di Carniglia, comune di Bedonia (Parma), ma diocesi di Piacenza-Bobbio; è ordinato sacerdote nell’Ordine di Sant’Agostino il 29 giugno 1966. Nel 1971 è inviato missionario in Perù e nel 1989 san Giovanni Paolo II è nominato vescovo prelato di Chuquibambilla. Termina il mandato, per raggiunti limiti di età, il 24 aprile 2018.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori