Diocesi: Genova, card. Bagnasco promulga editto per il processo beatificazione di Aldo Gastaldi “Bisagno” primo partigiano d’italia

È iniziato il processo di beatificazione e canonizzazione di Aldo Gastaldi, “Bisagno”, medaglia d’oro della Resistenza e insignito del titolo di “Primo partigiano d’Italia”. La notizia è stata diffusa dalla Curia Arcivescovile di Genova attraverso il settimanale cattolico diocesano ‘Il Cittadino’. Il 31 maggio scorso, infatti, il cardinale arcivescovo, Angelo Bagnasco, ha promulgato l’editto per il Processo circa la vita, la virtù e la fama di santità. Aldo Gastaldi, nacque a Genova il 17 settembre 1921 e morì il 21 maggio 1945 in un incidente vicino a Desenzano del Garda. I genitori furono la sua scuola di fede e gli instillarono un profondo senso del dovere che non lo abbandonò mai. Terminati gli studi iniziò l’attività lavorativa interrotta nel 1941, a seguito della ricezione della chiamata alle armi. Il 15 agosto del 1942 prese servizio con il grado di sottotenente nel 15° Reggimento Genio presso la caserma di Chiavari. Dopo l’armistizio con gli alleati, l’8 settembre del 1943, iniziò la sua avventura partigiana. Nei pressi di Cichero, una piccola frazione del paese di San Colombano Certenoli, nei pressi del Monte Ramaceto, diede il via – nell’inverno del 1943 – insieme con altri compagni al primo nucleo di quella che da lì a qualche mese sarebbe diventata la Divisione Cichero, la più famosa e temuta operante nella zona. Operò sempre con spirito di servizio e la fede fu la sua guida. Non volle mai aderire ad alcun partito. Con il passare del tempo, i suoi uomini riconobbero in lui qualità straordinarie. Fu sempre più amato dai suoi uomini e, dopo la fine della seconda guerra mondiale, lottò fino alla fine per porre fine ai regolamenti di conti che si registrarono in città. Per salvaguardare la vita di alcuni suoi partigiani, ex alpini originari del Veneto e della Lombardia, li accompagnò personalmente a casa. La sua vita si spegne il 21 maggio 1945 a Desenzano del Garda, dopo aver riconsegnato alle famiglie tutti i suoi uomini. Nel testo del decreto per l’apertura della causa si legge che l’arcivescovo invita “a comunicare direttamente o a far pervenire al Tribunale Ecclesiastico Diocesano tutte quelle notizie dalle quali si possano in qualche modo arguire elementi favorevoli o contrari alla fama di santità del Servo di Dio” e, “a quanti ne fossero in possesso, di rimettere con debita sollecitudine al medesimo Tribunale qualsiasi scritto, che abbia come autore il Servo di Dio, qualora non sia già stato consegnato alla Postulazione della Causa” compresi “i manoscritti, i diari, le lettere ed ogni altra scrittura privata del Servo di Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori