Musei ecclesiastici: Pietrolucci (Rieti), ad Amatrice percorso espositivo multimediale per “tramandare il bello e recuperare la propria identità”

È stato inaugurato a luglio 2018 e visitato ad oggi da più di mille persone. Si tratta del percorso espositivo “Tramandare il bello. Il recupero dell’identità culturale per una nuova sintonia con il creato”, che testimonia l’esperienza della diocesi di Rieti sviluppata ad Amatrice dopo due anni dal terremoto che ha colpito il Centro Italia. Ad illustrarla è Pierluigi Pietrolucci, intervenuto alla giornata di studio “La Chiesa e i suoi musei. Identità, governance e politiche culturali” in corso ai Musei vaticani per iniziativa dell’Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della Cei in collaborazione con gli stessi Musei del Papa. L’iniziativa, spiega Pietrolucci, “scaturisce dalla convinzione che il patrimonio artistico e culturale, tangibile nei numerosi beni e opere d’arte salvati dopo le scosse e connesso ad altrettanti beni immateriali rappresentati da usi, riti e tradizioni, sia la testimonianza della memoria materiale e spirituale del territorio, che attiene all’identità della comunità locale e allo spirito dei luoghi”. Risorse cui attingere per” realizzare un processo di ricostruzione anzitutto delle relazioni umane, quindi del contesto materiale”. Di qui, con la collaborazione e il supporto del Mibac, grazie a un protocollo d’intesa del 2018, è stata ideata l’esposizione che, “per il particolare contesto in cui prende forma, fa ricorso alle più recenti e innovative applicazioni della comunicazione multimediale: realtà aumentata, virtuale e videomapping per permettere nuovi modi di fruizione dei beni culturali e garantire una visita dal carattere esperienziale e interattivo molto coinvolgente”. L’accoglienza viene garantita da otto volontari del servizio civile presenti in modo stabile. L’iniziativa nasce come anteprima della futura sede di Amatrice del Museo diocesano, inserita nel più ampio progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso don Minozzi che prende il nome di “Casa Futuro – centro studi Laudato si'” che il vescovo Domenico Pompili ha promosso come progetto di rivitalizzazione del territorio e che ospiterà provvisoriamente anche la sede del Comune e della Polizia di Stato. I tempi di realizzazione sono stimati in quattro anni.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa