Gariwo: lunedì 13 maggio a Milano la premiazione concorso “Adotta un Giusto 2018/19”

Lunedì 13 maggio, a Milano (ore 9.30, Teatro Pime, via Mosè Bianchi 94) si terrà la premiazione dei vincitori del concorso “Adotta un Giusto 2018/19”, quarta edizione del bando proposto da Gariwo (che fa parte dell’Associazione per il Giardino dei Giusti assieme a Comune di Milano e Ucei) in collaborazione con il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca). Al bando, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, hanno risposto studenti e insegnanti di 300 istituti di tutta Italia, in particolare dall’Italia del centro e del sud, inviando oltre mille elaborati di vario tipo (testi letterari, video, racconti a fumetti, fotografie) ispirati alle storie dei Giusti adottati nel corso dell’anno scolastico. Nell’incontro, aperto dal saluto del presidente del Consiglio comunale di Milano, Lamberto Bertolé, interverranno il presidente di Gariwo, Gabriele Nissim, e la responsabile della Commissione didattica di Gariwo, Anna Maria Samuelli, per presentare i lavori artistici e letterari realizzati nelle scuole su una o più figure onorate al Giardino del Monte Stella e nel Giardino Virtuale partendo dalla frase “C’è un albero per ogni uomo che ha scelto il Bene”. Il coinvolgimento del Miur, fanno sapere da Gariwo, ha fatto registrare una impennata nella partecipazione grazie al coinvolgimento di un elevato numero di scuole. Per Nissim “è importante che i giovani, attraverso l’esempio dei Giusti, capiscano che responsabilità, dialogo, giustizia, tolleranza sono gli strumenti per migliorare la società e salvaguardare l’ambiente, un tema per loro di grande rilevanza”. Gli attori Luca D’Addino e Veronica Franzosi leggeranno brani tratti dagli elaborati che hanno vinto il concorso e i video premiati saranno proiettati durante la mattinata. A seguire, la testimonianza di Eugène Muhire Rwigilira, sopravvissuto al genocidio in Ruanda, in cui furono uccisi molti suoi familiari. Ai 500 ragazzi presenti in sala il giovane ruandese racconterà come, durante quel massacro del 1994, ci furono persone coraggiose – i Giusti – che presero le distanze dal male e aiutarono gli altri a salvarsi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa