Festa dell’Europa: Ppe, alle urne fare attenzione ai populisti. S&d, 9 maggio sia festa in tutti gli Stati Ue

(Bruxelles) “Proprio come nel 1950, l’Europa rimane la migliore risposta alle sfide che dobbiamo affrontare. Che si tratti della sicurezza dei nostri cittadini, dei cambiamenti climatici o della crisi migratoria, nessun Paese può affrontare da solo queste sfide”, ha dichiarato il presidente del Partito popolare europeo (Ppe), Joseph Daul, in questa Giornata dell’Europa, invitando a riflettere sulle origini del progetto europeo e sui risultati raggiunti a partire dall’ispirazione dei padri fondatori. “Mentre ci dirigiamo alle urne è importante ricordare ciò che abbiamo costruito insieme e fare attenzione ai populisti che vogliono distruggere tutto ciò che abbiamo raggiunto negli ultimi 70 anni”, ha ancora affermato Daul. “Non possiamo costruire il futuro dell’Europa su un programma di distruzione”. Sempre secondo il leader Ppe, “l’Europa migliora la vita delle persone e deve ispirare ottimismo per il futuro”. Il gruppo dei Socialisti e democratici (S&d) invece ha scritto su Twitter che “è ora di rendere il 9 maggio una vera celebrazione di ciò che significa essere europei” e far diventare questa data “un giorno festivo in tutti gli Stati membri”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa