Diocesi: Roma, domani si apre causa di beatificazione di madre Maria Bernardetta dell’Immacolata, amica di Bergoglio

Sarà il card. Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, ad aprire domani la fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione di Maria Bernardetta dell’Immacolata, delle Suore Povere Bonaerensi di San Giuseppe. Nata ad Avellino, la giovane suora nel 1944 si trasferì in Argentina e nel 1979 la sua storia incrociò quella di Jorge Bergoglio, allora provinciale dei Gesuiti. “Era una figura materna per i novizi; quando qualcuno di loro aveva un problema, Bergoglio li mandava da lei a chiedere consiglio. Aveva un tocco profondamente evangelico, una grande devozione”, racconta la postulatrice della causa, Silvia Correale, rilevando che fu proprio Bergoglio ad impartirle l’unzione degli Infermi. “Le testimonianze che abbiamo di diversi padri gesuiti – evidenzia la postulatrice – ci dicono che ‘padre Jorge’ sempre parlava di lei, la ricordava nei suoi discorsi come adesso fa ancora da Papa. Ne lodava la vita vissuta con autenticità e coerenza e la citava sempre come un esempio”. Lo ha fatto anche lo scorso 2 febbraio, nell’omelia della messa per la Giornata mondiale della vita consacrata, quando ha ricordato “la suora semplice: non aveva grandi luci, ma aveva la saggezza dell’obbedienza, della fedeltà e di non avere paura delle novità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa