This content is available in English

Consiglio Ue: Dichiarazione di Sibiu, dieci impegni per il futuro. “Prestare orecchio a preoccupazioni e speranze di tutti gli europei”

(dall’inviato a Sibiu) Dieci “impegni”, approvati all’unanimità, per il futuro dell’Ue: sono inscritti nella “Dichiarazione di Sibiu” appena resa nota dal Consiglio europeo riunito in Romania. Punto primo: “Difenderemo un’Europa unita, da est a ovest, da nord a sud. Trent’anni fa milioni di persone hanno combattuto per la libertà e l’unità e hanno abbattuto la cortina di ferro che aveva diviso l’Europa per decenni. Non c’è posto per divisioni che nuocciono al nostro interesse collettivo”. Secondo: “Resteremo uniti, nel bene e nel male. Daremo prova di reciproca solidarietà nei momenti di bisogno e resteremo sempre compatti. Possiamo parlare con un’unica voce, e lo faremo”. Terzo: “Cercheremo sempre soluzioni congiunte, ascoltandoci a vicenda in uno spirito di comprensione e rispetto”. Quarto impegno: “Continueremo a proteggere il nostro stile di vita, la democrazia e lo Stato di diritto. I diritti inalienabili e le libertà fondamentali di tutti gli europei sono stati conquistati a caro prezzo e non li daremo mai per scontati. Difenderemo i nostri comuni valori e i principi sanciti dai trattati”. Quinto: “Otterremo risultati sulle questioni di maggiore importanza. Sulle questioni che contano, l’Europa continuerà a pensare in grande. Continueremo a prestare orecchio alle preoccupazioni e alle speranze di tutti gli europei, avvicinando l’Unione ai cittadini, e agiremo di conseguenza, con ambizione e determinazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa