Papa in Macedonia: incontro autorità, Madre Teresa “grande donna”. “Continuare a lavorare con impegno” per essere “faro di pace, accoglienza e integrazione”

Una “grande donna”, di cui “siete giustamente fieri”. Nell’ultima parte del suo primo discorso in terra macedone, il Papa ha reso un omaggio “del tutto speciale a una vostra illustre concittadina che, mossa dall’amore di Dio, ha fatto della carità verso il prossimo la suprema legge della sua esistenza, suscitando ammirazione in tutto il mondo e inaugurando uno specifico e radicale modo di porsi al servizio degli abbandonati, degli scartati, dei più poveri”. Santa Teresa di Calcutta, ha ricordato Francesco, “nacque in un sobborgo di Skopje nel 1910 col nome di Anjezë Gonxha Bojaxhiu e svolse il suo apostolato, fatto di umile e totale donazione di sé, in India, e per mezzo delle sue sorelle ha raggiunto i più diversi confini geografici ed esistenziali”. “Sono lieto di potermi recare tra poco a sostare in preghiera nel Memoriale a lei dedicato, costruito nel luogo dove sorgeva la chiesa del Sacro Cuore di Gesù, in cui lei fu battezzata”, ha rivelato il Papa a proposito della sua seconda tappa di oggi. “Siete giustamente fieri di questa grande donna”, ha detto Francesco, esortando il popolo macedone “a continuare a lavorare con impegno, dedizione e speranza affinché i figli e le figlie di questa terra possano, sul suo esempio, scoprire, raggiungere e maturare la vocazione che Dio ha sognato per loro”. “La Santa Sede, a partire dal momento in cui la Macedonia del Nord ottenne l’indipendenza, ha accompagnato con viva attenzione i passi che il Paese ha compiuto nel far progredire il dialogo e la comprensione tra le autorità civili e le confessioni religiose”, ha proseguito il Papa rivolgendosi al presidente della Macedonia del Nord: “Oggi la Provvidenza mi offre la possibilità di manifestare di persona questa mia vicinanza; e così anche di esprimere gratitudine per la visita che ogni anno una vostra delegazione ufficiale compie in Vaticano in occasione della festa dei santi Cirillo e Metodio”. “Vi incoraggio a proseguire fiduciosi nel cammino iniziato per fare del vostro Paese un faro di pace, di accoglienza e di integrazione feconda tra culture, religioni e popoli”, l’appello finale: “A partire dalle rispettive identità e dal dinamismo della loro vita culturale e civile, essi potranno in tal modo costruire un destino comune, aprendosi alle ricchezze di cui ciascuno è portatore. Che Dio protegga e benedica la Macedonia del Nord, la conservi nella concordia e le conceda prosperità e gioia!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa