Diocesi: Oristano, domenica 7 luglio inizia il ministero episcopale di mons. Carboni

Mons. Roberto Carboni, nominato sabato scorso nuovo arcivescovo di Oristano – il 104° nella serie dei presuli che nella storia si sono succeduti alla guida della Chiesa arborense – farà l’ingresso ufficiale nella sua nuova arcidiocesi domenica 7 luglio. Ma non lascerà la diocesi di Ales-Terralba, che guida dal 10 febbraio 2016: il Papa, infatti, ha nominato padre Roberto Carboni amministratore apostolico della Chiesa che si estende dal Medio Campidano alla Marmilla (57 parrocchie e quasi 100mila abitanti). Grazie a questo incarico, il presule potrà portare a termine la visita pastorale, iniziata lo scorso novembre, che si concluderà agli inizi del prossimo anno. Proprio questo importante adempimento, il più impegnativo e specifico di un vescovo, aveva convinto padre Carboni di non trovarsi tra i nomi dei possibili successori di mons. Ignazio Sanna, dimissionario per raggiunti limiti d’età. Lunedì 29 aprile, mentre si trovava a Roma per una riunione dei responsabili delle Conferenze episcopali regionali per la prevenzione degli abusi sui minori e sulle persone deboli, monsignor Carboni è stato contattato telefonicamente dal Nunzio apostolico. “Mi sono recato in Nunziatura nel primissimo pomeriggio, mentre Roma era sotto un violento temporale, e lì – ha detto mons. Carboni – mi è stata rivelata la volontà del Papa di affidarmi la diocesi di Oristano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa