Diocesi: Benevento, venerdì Gaspare Sturzo all’ultimo appuntamento di “Cives”

Venerdì 31 maggio, alle ore 16.15, presso il salone della Biblioteca arcivescovile “Francesco Pacca” del Palazzo arcivescovile di Benevento, si terrà la manifestazione conclusiva della dodicesima edizione di “Cives – Laboratorio di formazione al bene comune” sul tema: “Liberi e forti. Cittadini che cooperano per il bene del Paese”.
Il programma dell’iniziativa prevede, dopo i saluti di don Maurizio Sperandeo, vice presidente del Centro di cultura “Raffaele Calabrìa”, e l’introduzione di Ettore Rossi, direttore dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro dell’arcidiocesi di Benevento, le presentazioni di idee, proposte e video da parte dei partecipanti a Cives. Poi, interverrà Clemente Mastella, sindaco di Benevento. Relatore e ospite della manifestazione finale sarà Gaspare Sturzo, pronipote di don Luigi Sturzo, magistrato e presidente del Centro internazionale studi “Luigi Sturzo”. Le conclusioni saranno tratte da mons. Felice Accrocca, arcivescovo di Benevento.
A coordinare i lavori sarà Paolo Rizzi, direttore scientifico di Cives e direttore del Laboratorio di economia locale dell’Università Cattolica.
“Un progetto di società più umana, giusta e fraterna o strategie volte allo sviluppo civile, economico e politico, cioè integrale, delle nostre comunità traggono sempre ispirazione da pensatori e da figure di rifermento che ci hanno preceduto e che hanno lasciato un segno nella storia del nostro popolo. Con la dodicesima edizione di Cives – spiega Ettore Rossi – ci siamo posti come obiettivo quello non tanto di celebrare il centenario dell’appello ai ‘Liberi e forti’ di don Luigi Sturzo, quanto di verificare se esso con il pensiero che racchiude e soprattutto l’azione di questa figura di prete e di politico, un grande italiano, possa essere utile e attuale per affrontare le questioni che il nostro tempo ci pone. Sono le domande profonde che Sturzo si pose, rispetto alla grandezza delle questioni del suo tempo, che conservano tutta la loro validità ed attualità anche per noi oggi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa