Papa Francesco: a Caritas Internationalis, “scandaloso vedere operatori di carità che la trasformano in business”

(Foto Vatican Media/SIR)

È “scandaloso vedere operatori di carità che la trasformano in business”. Lo ha esclamato il Papa, al termine dell’udienza concessa alla Caritas Internationalis, in cui ha stigmatizzato coloro che “parlano tanto della carità ma vivono nel lusso o nella dissipazione oppure organizzano Forum sulla carità sprecando inutilmente tanto denaro”. “Fa molto male constatare che alcuni operatori di carità si trasformano in funzionari e burocrati”, ha proseguito Francesco, ribadendo che “la carità non è un’idea o un pio sentimento, ma è l’incontro esperienziale con Cristo; è il voler vivere con il cuore di Dio che non ci chiede di avere verso i poveri un generico amore, affetto, solidarietà, ma di incontrare in loro Lui stesso, con lo stile di povertà”. “Occorre essere sempre attenti a non cadere nella tentazione di vivere una carità ipocrita o ingannatrice, una carità identificata con l’elemosina, con la beneficienza, oppure come ‘pillola calmante’ per le nostre inquiete coscienze”, le altre indicazioni del Papa, secondo il quale si deve inoltre “evitare di assimilare l’operato della carità con l’efficacia filantropica o con l’efficienza pianificatrice oppure con l’esagerata ed effervescente organizzazione”. Infine il “grazie”, a nome di tutta la Chiesa, “per quello che fate con e per tanti fratelli e sorelle che fanno fatica, che sono lasciati ai margini, che sono oppressi dalle schiavitù dei nostri giorni, e vi incoraggio ad andare avanti!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo