Festival sviluppo sostenibile: Conte, “serve un governo europeo della stabilità sociale”

È pronto, e sta per essere firmato dal presidente del Consiglio, un decreto che istituisce a Palazzo Chigi una “cabina di regia” denominata “Benessere Italia”, per coordinare le iniziative di tutti i Ministeri in particolare rispetto agli obiettivi dell’agenda 2030 dell’Onu. Lo ha annunciato lo stesso Giuseppe Conte intervenendo questa mattina all’evento di apertura del Festival italiano dello sviluppo sostenibile, promosso dall’Asvis, in corso a Roma presso l’Auditorium Parco della musica. “Lo sviluppo sostenibile – ha detto tra l’altro il premier – è una prospettiva imprescindibile per tutti i decisori politici”. In questo senso “l’appartenenza dell’Italia alla casa comune europea è di importanza fondamentale” dato che “negli ultimi cinque anni l’Unione europea è progredita in quasi tutti gli indicatori di sviluppo sostenibile”. Ma questo non è sufficiente. “L’indicatore delle disuguaglianze di reddito è peggiorato sensibilmente – ha osservato Conte – non solo dopo la grande crisi economica, ma a partire dal 2005” e ciò dimostra che “il nostro modello di sviluppo non riesce a distribuire la ricchezza in modo equo”. Il ruolo dell’Europa, allora, non può ridursi al “governo della stabilità finanziaria” che pure è doveroso, ma deve comprendere il “governo della stabilità sociale europea”. Occorre definire sin dal prossimo Consiglio europeo “strumenti di assicurazione europea contro la disoccupazione” e per “protezione del salario”. “E’ essenziale che tutti i cittadini possano percepire l’importanza dell’appartenenza all’Unione europea”, ha sottolineato ancora Conte, perché “se troppi vengono lasciati indietro” rischia di venire meno “il patto sociale che ci unisce”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa