Diocesi: Cerreto Sannita, percorso con gli studenti per mostrare l’aspetto educativo dell’agricoltura sociale

Un viaggio tra capre, asini e bovini, un itinerario del latte tra sapori e sudore, tra saperi da acquisire e fatiche da sentire. E poi sopralluoghi su terreni, nozioni vecchie da applicare e competenze nuove da imparare. Il tutto immersi nei paesaggi del territorio ancora incontaminato tra Cerreto, San Lorenzello, San Salvatore Telesino e Solopaca. È l’itinerario compiuto dagli studenti dell’Agrario dell’IIS Galilei-Vetrone-Polo di Guardia Sanframondi, dell’Alberghiero dell’IIS Faicchio-Castelvenere e dell’Istituto comprensivo di Sant’Agata de’ Goti-sezione Durazzano, che hanno partecipato ai percorsi di “iCas-iCare” e di “ricar…iCare”, promossi da progetto Policoro, Azione Cattolica e iCare della diocesi di Cerreto Sannita-Telese.Sant’Agata de’ Goti.
I 9 giovani del IV anno dell’Agrario, a coppie, hanno presentato, nella sede della cooperativa sociale di comunità iCare a Cerreto Sannita (Casa Santa Rita), quattro ipotesi di idee-progetto da poter realizzare su un terreno di Solopaca, ubicato in Vico della Bottega, dove sono già stati piantati 50 alberi da frutta: fico e lavanda, melograno e mirtillo a bacca rossa, melo cotogno e rosmarino, mela annurca e origano. Gli studenti Gianmarco Maffei e Vincenzo Petraccaro hanno vinto il primo dei 3 contest di idee di “ricar….iCare”, il progetto promosso e organizzato dal Progetto Policoro, dall’Azione Cattolica diocesana e dalla cooperativa sociale di comunità “iCare”, vincitore dell’annuale bando di progettazione sociale del Movimento Lavoratori di Ac.
La fase finale di “ricar…iCare” proseguirà domani mattina, sempre a Cerreto Sannita presso Casa Santa Rita, con il contest di idee inerente la pasticceria di comunità DolceMente che coinvolgerà la classe IV D indirizzo enogastronomia (opzione prodotti dolciari artigianali e industriali) dell’IIS Faicchio-Castelvenere.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa