Diocesi: Ferrara, restauro dipinto Incoronazione Vergine. Don Zanella (Ufficio tecnico-amministrativo), “grati per l’opera dei Vigili del fuoco”

Conferenza stampa

(Ferrara) “Sette anni fa piangevano per la statua della Madonna crollata nel piazzale davanti alla basilica, oggi invece siamo felici per questa luce nuova con il dipinto della Vergine tornato al suo posto”. Lo ha detto questa mattina don Stefano Zanella, direttore dell’Ufficio tecnico-amministrativo dell’arcidiocesi di Ferrara-Comacchio, alla conferenza per la ricollocazione nella basilica di Santa Maria in Vado del dipinto dell’Incoronazione della Vergine dipinta da Carlo Bonomi entro il 1617. “Non posso dimenticare – ha continuato don Zanella – l’opera dei Vigili del fuoco che sono sempre presenti in questi anni. Capisco che vorremmo che fosse tutto ristabilito in breve tempo, ma non è possibile. Dobbiamo essere contenti che per molti interventi il tempo si dimezzato per merito della collaborazione tra i tanti enti: diocesi, comune, Università, Vigili del fuoco”. In particolare don Zanella si è detto soddisfatto perché la diocesi “dopo il terremoto non si è fermata solo all’attività pastorale ma è entrata a far parte attivamente della ricostruzione post-sisma”.
“Per noi è bello che la ricollocazione sia avvenuta nel mese di maggio, un periodo dedicato proprio a Maria”, ha sottolineato don Fabio Ruffini, rettore del santuario del Prodigioso Sangue-basilica di Santa Maria in Vado.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa